Copertino Online

il primo magazine on line su Copertino

«Basta sprechi, inutili quei dirigenti»

Luigi Del Prete

- COPERTINO – «Soprassedere alla nomina di super dirigenti, poiché più che di generali il Comune ha bisogno di soldati».
È l’invito dell’assessore Luigi Del Prete al sindaco, Giuseppe Rosafio e ai suoi colleghi di giunta all’indomani della scelta di nominare due capi area allo scopo di dare impulso alla macchina amministrativa. E aggiunge: «Occorre guardare, invece, alla grave carenza di organico nei settori della polizia urbana e dell’ufficio tecnico».

Nonostante non abbia ancora riottenuto dal sindaco la delega al Bilancio, Del Prete continua ugualmente a lanciare stimoli in questa direzione. L’as – sessore, infatti, insiste sul fatto che occorre procedere con solerzia al recupero delle somme che molti copertinesi devono al Comune sin dal condono del 1985, piuttosto che aumentare le tasse a chi già le paga. In un periodo di crisi come quello attuale, ritiene che occorre instaurare un regime di austerità e serietà per poter quadrare i conti pubblici.
«È per questo – dice – che tramite il segretario generale ho dato disposizione agli uffici competenti di procedere al recupero delle somme dovute entro il 15 luglio prossimo. Allo stesso segretario ho chiesto di mettere l’Ufficio nelle condizioni di procedere all’istruttoria delle oltre 2000 pratiche di condono pendenti. Oltre quel termine farò quanto la legge impone di fare in simili casi. Senza se e senza ma».

Alla maggioranza, invece, al fine di recuperare 1 milione e 200mila euro, quanto occorre per quadrare il bilancio, Del Prete ha proposto alcune soluzioni, prima tra tutte l’obbligatoria applicazione dei tassi Istat per chi paga dopo anni quanto dovuto di standard ed oneri, al fine di ristabilire il ribadito principio di equità fiscale. Solo da questa misura si prevede un incasso di circa 700mila euro.
Altre somme dovranno essere recuperate aumentando le tariffe per i servizi a domanda individuale.

Altre ancora con l’aumento dei diritti di istruttoria sia per l’Ufficio tecnico che per l’Anagrafe. Altra importante voce di entrata rimane l’occupazione di suolo pubblico e la pubblicità. «Oggi – spiega Del Prete – una pessima conduzione di entrambi gli ambiti sottrae alle casse comunali ingenti risorse. Ho anche proposto il taglio delle indennità di amministratori e consiglieri e, per dare il buon esempio, ho già proceduto a tagliare la mia indennità del 30%. È ovvio – aggiunge – che in queste circostanze bisognerà evitare l’aumento della Tarsu e puntare, invece, sulla lotta all’evasione che a Copertino viaggia a livelli del 40%».

E aggiunge di aver proceduto alla cancellazione di contratti di locazione superflui, ma che molta strada resta ancora da fare per evitare gli sprechi. Sottolinea che per i progetti è urgente ricorrere a risorse finanziarie esterne e che sulla sua idea di un Ufficio progetti non ha ancora avuto risposta da parte del sindaco. Intanto, alcuni finanziamenti sono già andati perduti. Tuttavia, altre risorse sono disponibili anche se ancora per poco. «Pertanto – conclude – confido in un rapido superamento dell’attuale stallo ed in una pronta ripartenza della macchina amministrativa».
la gazzetta del mezzogiorno

  1. 10 maggio 2010 16:10 | #1

    MA DEL PRETE E’ DELL’OPPOSIZIONE?

  2. vincenzo
    10 maggio 2010 23:38 | #2

    Condivido appieno la presa di posizione di Del Prete e mi auguro che sia sincera, continuativa e non faccia sconti. Mi pare che l’assessore voglia svolgere una funzione di pungolo verso un’amministrazione che si sta mostrando inefficace nel riportare il paese ai minimi livelli di vita civile, cosa che da tempo attendiamo a Copertino. Ben vengano l’esempio dato in prima persona e l’attenzione riservata all’evasione e ai condoni dimenticati.

  3. Alessandro Nestola
    12 maggio 2010 09:57 | #3

    opposizione?!.. è alla maggioranza..

Devi esserti collegato per inviare un commento.