Copertino Online

il primo magazine on line su Copertino

Lettera aperta del Presidente Festa “S. Giuseppe da Copertino” don Pinuccio Sacino

-COPERTINO- Riportiamo di seguito la lettera aperta del Presidente della festa “S. Giuseppe di Copertino”, nonchè parroco della chiesa Matrice, don Pinuccio Sacino. Un documento dai toni duri e diretti in cui si ribadisce il dissenso verso le degenerazioni assunte dalle ultime edizioni della festa patronale. Buona lettura.

  1. manu
    27 settembre 2010 10:29 | #1

    parla tanto di spreco e che si deve pensare ai poveri,poi una mia amica che aveva il desiderio di sposarsi nella sua Chiesa non ha potuto xke’ Don Pinuccio Sacino ha chiesto delle cifre esorbitanti…come ad esempio 250 euro per il tappeto rosso,15 euro per la presa elettrica ecc ecc,il primo a dare l’esempio doverebbe essere proprio lui!!

  2. simone
    27 settembre 2010 16:59 | #2

    Secondo me se effettivamente, come dice, non era d’accordo con tale spreco la lettera avrebbe dovuto farla pervenire prima e non solo a fatto compiuto.

  3. kkk
    27 settembre 2010 18:16 | #3

    i ringraziamenti ai ragazzi del comitato sono arrivati troppo tardi…e poi perche’ pubblicare quella lettera nelle parrocchie copertinesi? per giustificare cosa se poi in fondo i pettegolezzi sono emersi tanto per? allora qualcosa di vero ci sarà…avanti comitato e l’ anno prossimo ancora di più! il comitato non ha mai obbligato nessuno a cacciare un euro!!!! le sue sono parole buttate al vento…i copertinesi non sono mica fessi!!!!!

  4. pete
    27 settembre 2010 18:54 | #4

    …e scommetto che la tua amica aveva magari, che ne so, un ricevimento con 150/200, invitati, macchina affittata, fioraio che le ha addobbato casa e ristorante, e poi c’è il vestito, le partecipazioni, fotografo ed album con video… per un totale di complessivo stimato di circa 10.000 euro!?!??!?!…ed a fronte di 5000/10000 euro spesi per un matrimonio che sono 250 euro!?!?.. pensi che una parte di quei soldi non vadano ai poveri???..e poi visto che si parla tanto e molte volte a sproposito, perchè non ci si ferma un attimo e ci si guarda negli occhi?!? Io non sono di copertino, ma ho visto l’accensione holliwoodiana della festa di quest’anno: è un’offesa a gente come me che non ha un lavoro, (non oso immaginare che cosa sia per chi non riesce ad arrivare a fine mese ed ha famiglia!)..certo, bella da vedere, ma fatua ed evanescente come la stessa polvere da sparo…è troppo banale accusare, è molto più duro mettersi la mano sulla coscienza!!! Siamo pronti ad accusare tutti: lo Stato,la Chiesa, le istituzioni…guardiamo la pagliuzza nell’occhio dell’altro, ma non vediamo la trave che abbiamo nel nostro!??!?.. secondo me un po’ di buon senso non guasta…

  5. IO
    27 settembre 2010 19:03 | #5

    Don Sacino parla tanto di sprechi, ma è lui il primo a chiedere soldi per tutte le occasioni, la lista è lunga. I copertinesi nn rinuceranno mai alla festa del santo patrono. Noi invece a proposito di sprechi consigliamo di sopprimere i costi per le luminarie di San Sebastiano e San Giuseppe Patriarca devolvendo il tutto alle famiglie che lui ritiene tanto bisognose. Noi siamo convintissimi che se la festa passerà nelle sue MANI, non si raccoglierà un centesimo…….. nn siamo mica fessi!!!!!!!!!!!!

  6. anna
    27 settembre 2010 20:42 | #6

    Altro che quelli della commissione non chiedono o non obbligano, da casa mia sono passati 2 volte, tagliando=10 euro a botta.In questi anni di crisi la festa
    doveva essere solo religiosa. POi Don Sacino sicuramente non si va a fare le cene con i compari, i soldi che racimola servono sicuramente a scopi benefici.

  7. manuela
    27 settembre 2010 20:45 | #7

    io sn manuela di galatone…nn mi vergogno a differenza vostra di dire ki sn….DON PINUCCIO ladro???????????’ma vergognatevi …..ma si festeggia un santo o stiamo ad holliwood……naturalmente MI AUGURO KE nn venga cancellato questo commento dato ke parekkie persone vanno kn LUI ma causalmente sono spariti i loro commenti….ma tu kkk vergognati spendere + euro…..spero ke sia solo una battuta ke poi è proprio di cattivo gusto….ma prima di parlare male delle xsone x bene lavatevi la bocca….spero solo ke tutte queste cattiverie (ke x me nn sono gratuite) siano xdonate dal Signore….IO SE FOSSI DI COPERTINO MI VERGOGNEREI DI QUESTI COMMENTI….

  8. pete
    27 settembre 2010 21:28 | #8

    …complimenti!!!…avevo lasciato un commento di appoggio e di difesa nei confronti del parroco, che non è stato pubblicato…e questa sarebbe libertà di pensiero?!?!?!?…è facile criticare ed accusare, e sopratutto parlare anzi sparlare senza usare un po’ di buon senso…quello che purtroppo pare manchi ai compaesani del Santo dei Voli! Ho visto lo sfarzo dell’accensione della festa di quest’anno… ma voi sapete a quanti bambini in Africa si da la possibilità di dare un futuro, di mandarli a scuola, di regalare loro un sorriso con la minima parte di quello che si spende per colorare con fuochi e luci fatue una festa in onore di un Santo (il vostro, il nostro…perchè i santi sono di tutti!) che della povertà, della semplicità e della umiltà ha fatto la sua ragione di vita?!!?!!?.. forse no… non lo sapete, chiusi che siete dietro il vostro mondo fatto solo di “apparire” e di “apparenze”!!! ci si sposa e si spende l’ira di Dio decine di migliaia di euro per fiorai, vestiti, ricevimento, foto e 300 euro sono troppo per la chiesa!?!??…e sapete quanti preti inviano soldi in Africa o nelle zone disagiate del mondo!?!?!?… Quell’accensione è un offesa a chi non arriva a fine mese e ha dei bambini da sfamare (anche a Copertino!)..forse non è un caso che San Giuseppe riposi ad Osimo!!!

  9. gianluca
    27 settembre 2010 22:37 | #9

    sono daccoro con manuela ,…la ragazza di galatone. Erano circa dieci lunghi anni ke nn ritornavo a copertino per la ricorrenza della festa del nostro amato giuseppe…ero tanto desideroso di rivederlo e di trascorrere momenti di condivisione spirituale per l’occasione.
    Sn stato colpito, in tempi difficili di crisi, dello spreco di addobbi e lampadine ma soprattutto delle pessime condizioni in cui versa il nostro paese. Mi sn chiesto tra me e me…si raccolgono migliaia di euro per ‘buttarli’ in pochi giorni e nn si pensa ai veri prolemi e i veri interessi della collettività…??…a rifare il manto stradale??…a costruire scuole…a ripristinare segnaletiche oramai inestistenti…a costruire alloggi a canone agevolato per gi indigenti…..a rafforzare le politiche di welfare state….e potrei continuare a lungo…
    Ho letto con attenzione la lettera di don pinuccio e condivido ogni sua parte…

    Per una sola volta cari amici e concittadini….nn facciamo i ‘macignulari’….nn fermiamoci all’apparenza,…nn ricerchiamo nel lusso e nei luccikii l’egoistico appagamento materiale….Fermiamoci un istante….La festa per il nostro giuseppe sarbbe magica anke senza tutti questi sfarzi ….Del resto lui nello sfarzo non ci è mai stato ..nè tanto meno, credo, ami starci..
    Ciao a tutti…e mi auguro di cuore che copertino possa emergere dal baratro in cui incompetenti e negligenti amministratori l’han condotta…a causa della tutela del benessere privato a discapito del più nobile interesse collettivo.
    voglio bene alla mia comunità—-CIAOOOOOO

  10. gianluca
    27 settembre 2010 22:38 | #10

    sn sempre io….spero di cuore che il mio commento di prima nn venga cancellato…..GRAZIE

  11. cristina
    28 settembre 2010 10:00 | #11

    perchè il vedere tavolino, chioschi per mangiare OVUNQUE!!!!non si riusciva a camminare per le vie del paese..e la sporcizia che viene lasciata dopo?! I tavolini sul prato della fontana…ma scherziamo?!!

  12. simone
    28 settembre 2010 10:45 | #12

    L’unica cosa che a me stupisce, è che nessun componente del comitato festa sia intervenuto a favore di don Sacino mettendo così a tacere ogni calunnia nei suoi confronti. FORSE CHI TACE ACCONSENTE……

  13. marco
    28 settembre 2010 16:20 | #13

    siete ridicoli…. la solita italianetta. cosa centrano le strade da rifare… per quaste cose paghiamo le tasse al comune. finitela di fare i moralisti del cavolo, i bambini africani, telefonate alla fao.
    comitato festa patronale: organizzatori della festa, non devono risolvere i problemi del mondo.
    COMPLIMENTI COMITATO.

  14. ale
    28 settembre 2010 17:34 | #14

    io sono abbastanza d’accordo con gianluca,cose molto giuste.ma ci terrei a precisare per manu e pete che 3oo euro solo per presa e tappeto se permettete non sono pochi,visto che poi a parte c’è la quota della chiesa(altri soldi a parte)…e il fatto del coro che lui non permette a cori esterni di poter animare ma solo al suo,se permetti visto che ti pago come dici tu il coro me lo scelgo io…
    e 1 cosa in particolare che ci tenevo a scrivere al caro don pinuccio che odio i suoi atteggiamenti da PAPA nelle processioni,e il modo di chiedere offerte all’ingresso nella chiesa madre nelle occasioni delle feste “interne”…mi sembra di entrare in un teatro…offerte all’ingresso,vicino alle statue,e all’uscita…”obbligatorie”…ti chiamano davanti a tutti…”hei tu,l’offerta eh…”,che se uno non si trova spicci si sente un pezzente che non può darli visto che si è al centro dell’attenzione…se permettete ci sono modi e modi di chiedere l’offerta…caro don pinuccio un pò d’umiltà in più non ti guasterebbe!
    soprattuto senza avere al centro dei tuoi discorsi il denaro…nel bene”come per aiutare i poveri” o nel male……(libera interpretazione).e per favore pubblicatelo.

  15. manu
    28 settembre 2010 18:10 | #15

    @pete
    si hai ragione sul fatto che si sprecano molti soldi quando ci si sposa,xo’ le altre chiese cmq nn chiedono ste cifre esagerate io ne ho menzionate solo alcune,in totale veniva molto di piu’….
    poi sul fatto che la festa sia sta holliwoodiana nn sono d’accordo,era semplicemte stupenda,nn ho mai visto tanta gente,un sacco di turisti l’hanno visitata…e poi cmq il risparmio c’e’ stato sul cantante,infatti quest’anno hanno fatto una manifestazione a scopo benefico e questa penso sia stata una cosa buona.

  16. kkk
    28 settembre 2010 18:44 | #16

    chi non è di copertino stia fuori dai commenti….voi la verità non la conoscete!!!! e poi parlate voi di galatone?????nessuno ha obbligato le famiglie a cacciare 10 euro!!!!se fossero passati per un offerta ai poveri non avreste neanche aperto la porta…vergognatevi!!!!!ognuno è libero di organizzare il matrimonio che vuole e poi per quanto riguarda la questione del lavoro, per favore lasciamola stare, anche nel comitato c’ è gente che non ha una posizione stabile eppure si spacca in due per un anno solo per amore della propria città e del proprio santo….tu che non hai lavoro per cosa sei venuto a copertino? per il santo o per fotografare le luminarie? fai come me che ho perso tante volte il lavoro…ho sempre creduto nel mio santo e con la forza della fede sono sempre andato avanti a fare i lavori più disparati e ogni volta che si trattava di cacciare soldi per la festa l’ ho sempre fatto con estremo piacere!!!!! e poi mica il comitato deve fare servizio alla città con interventi urbani…i nostri politici che ci stanno a fare, i politici che avete eletto voi!!!!ma state zitti e vivente di più la realtà copertinese….non cresceremo mai!!!!!

  17. manu
    28 settembre 2010 18:49 | #17

    @ale
    sono assolutamente d’accordo con te!!

  18. kkk
    28 settembre 2010 18:49 | #18

    IL COMITATO E’ STATO GRANDE ED IO SONO CON LORO!!!!! E L’ ANNO PROSSIMO ANCORA DI PIU’!!!!! IMMAGINATE UN PO’ SE L’ ANNO PROSSIMO NON SI ORGANIZZA NULLA? SUCCEDERA’ IL FINIMONDO E CHISSA’ LE POLEMICHE….SIAMO E SIETE RIDICOLI!!!!! MEGLIO SPENDERE I SOLDI IN GRATTA E VINCI VERO SIGNORI?

  19. kkk
    28 settembre 2010 18:58 | #19

    GRANDE MANU!!!!!MA TU LO SAI CHE CON LE OFFERTE RACCOLTE TRA I CITTADINI NON SAREBBERO RIUSCITI NEANCHE A COMPLETARE VIA LECCE? E’ STATO COPERTO TUTTO CON GLI SPONSOR…IL COMITATO PIU’ CHE RACCOGLIERE I SOLDI HA SOLO RACCOLTO BESTEMMIE DALLE PERSONE ALTRO CHE FEDE!!!! E MOLTA GENTE ERA LI IN PROCESSIONE….CIAO, QUANTO SIAMO FALSI!!!!

  20. IO
    28 settembre 2010 19:01 | #20

    A Manuela di Galatone, neanche io mi nascondo, sono Maurizio di Copertino,Ma tu conosci Don Pinuccio???????? Come fai a giudicare una persona se nn sei del ns paese????????? Nn credo proprio che la festa sia stata Holliwuddiana, ma è stato il sacrificio di un gruppo di persone che hanno lavorato un anno, trascurando impegni personali. Io invece avrei voluto sentire i commenti, se la festa fosse stata povera di addobbi. Grandi elogi al COMITATO FESTA……………..

  21. uno del comitato
    28 settembre 2010 19:36 | #21

    ho letto i commenti e perciò cercherò di dare alcune risposte…lo sperpero di denaro non esiste,le luminarie danno lavoro a centinaia di persone (falegnami, elettricisti, carpentieri,ect) e quindi danno da mangiare a molte famiglie.Il costo totale delle luminarie si aggira intorno ai 52.000 euro circa,e ciò non permettere di risolvere il problema della fame nel mondo.Quest’anno con il concerto del 19 settembre il comitato ha devoluto in beneficenza (per la lotta alla sla) circa 30.000 euro. Leggendo alcuni commenti mi chiedo se ne vale davvero la pena dedicare tutte le domeniche (e non solo)dell’anno a quest’evento e poi sentirsi dire che con quei soldi andiamo a cena.Rivolgendomi ad Anna che parla di ’10 euro a botta’ dico semplicemente che chi è passato a chiedere qualcosa non era armato e non ha obbligato nessuno.

  22. zoom
    28 settembre 2010 20:22 | #22

    …ma non mettete sempre in mezzo chiesa e sacedoti!!! F I N I T E L A!!! Sarebbe il sogno di ogni diocesi fare feste ritrose e religiose, ma l’ignoranza popolare è dura da estirpare!!! Pieno sostegno a don pinuccio e al suo operato sempre attento, umile e vicino all’ispirazione concreta del vangelo… e ancora una volta calunniato senza ritegno!!! Questa frangia che dispensa falsità, priva di uno sguardo cristiano e portatitrice di una malattia sociale graffiante… dovrebbe davvero vergognarsi! Fortunatamente non sono tutti come voi i copertinesi… davvero e lo ripeto “fortuna che non sono tutti come coi i copertinesi”. Ce ne fossero di più parroci esemplari come lui.

  23. mary
    29 settembre 2010 08:19 | #23

    grande comitato. COMPLIMENTI

  24. aldo
    29 settembre 2010 09:53 | #24

    …mi dispiace, siete troppo limitati, sapete e pensate solo ad accusare e calunniare… San Giuseppe non vi merita! ahimè, non merita copertinesi, senza ritegno! infatti sta a Osimo!…ma quale moralismo!!! parlano i fatti!!!… chi non è di copertino non puo’ commentare quanto gli altri, mio caro emerito “con tre k”, alias “senza nome” (per per giunta con la coda di paglia che ti contraddici ogni tre per due)… che commentano a vanvera!!!?!?!?!?..io non sono di copertino, ma conosco sia Copertino, sia San Giuseppe, che don Pinuccio e pieno appoggio e piena solidarietà a queste righe scritte dal parroco… che noto che voi (una sorta di “fac simile di copertinesi”)…conosciate il parroco solo da una battuta detta sul portone di uscita dalla chiesa… dal suo fare, come dice “chi lo conosce”, da Papa nelle processioni, da chi non gli sposa l’amica… ma sente solo la campana dell’amica e non quella del parroco… bene.. bene… e voi sareste persone serie, di mentalità aperta, di fede, con principi cristiani, e sopratutto di copertino!?!? .. Per fortuna non sono tutti come voi e per fortuna i miei amici di copertino non sono come voi… che non siete in grado di accettare un “rimprovero”… che non riuscite forse neanche a leggere (e capire) quanto dice quella lettera…e che prima di parlare dovreste conoscere veramente il vostro paese, leggere la vita di San Giuseppe… secondo me, farebbe bene don Pinuccio a querelare, come gli ho già consigliato di fare, visto che, forse, per farsi capire da voi “fac-simile” di copertinesi non basta l’operato di una vita la sua dedicata e vissuta a Copertino! Ad maiora!

  25. luigi
    29 settembre 2010 11:05 | #25

    Provo a dire la mia.
    La festa di San Giuseppe grande evento per Copertino e per il salento è suddivisa in festeggiamenti civili e festeggiamenti religiosi.
    L’aspetto prettamente civile deve continuare ad essere seguito da una commissione che si deve occupare di tutti gli aspetti festaioli, luminarie, giostre, bancarelle, fuochi d’artificio, artisti vari ecc., il tutto tramite una raccolta di denaro che deve servire esclusivamente a questo.
    L’aspetto religioso deve privilegiare e mettere in evidenza la sacralità e la particolarità del nostro Santo, occupandosi dei devoti, ma anche cercando di far avvicinare al Santo quelli che vivono solo l’aspetto civile della festa. In questo ambito, coloro che sono per vocazione destinati al bene del prossimo (!!!), possono indirizzare il denaro raccolto dalle funzioni religiose o di altre iniziative (diverse da quelle della commissione civile) per attività di beneficenza dichiarate in partenza.
    Se sempre più insistentemente si parla di mancanza di responsabilità benefica è perché si assiste ad un maggior impegno da parte dei delegati all’aspetto civile al contrario di quelli deputati all’aspetto religioso e benefico.
    Viviamo già di piccole cose, l’economia e la vita sociale in genere non è gratificante nei confronti dei copertinesi che a parte qualche sagra e la mostra d’antiquariato al castello non offre altro. Dobbiamo spostarci per un film, per un concerto e per tanto altro ancora. Senza nulla togliere al richiamo per un esame di coscienza, lasciateci almeno la soddisfazione di quell’urlo di gioia e di stupore all’accensione delle luminarie di via Lecce con il palazzo Moschettini, urlo che soffoca almeno per tre giorni i dolori e i sacrifici che la vita ci riserva.

  26. manuela
    29 settembre 2010 11:57 | #26

    sn quella di galatone.
    primo conosco DON PINUCCIO x quello parlo.
    secondo capisco di festeggiare un santo ma noooooooo così…
    kme scrive zoom viene calunniato senza ritegno.

  27. gb
    29 settembre 2010 16:25 | #27

    salve a tutti.
    ho letto con estremo interesse i vostri commenti e credo che in alcuni emerga poca conoscenza dell’argomento e molte cose vengano scritte per semplice “sentito dire”. Già sul fatto delle 250 euro per il matrimonio ci sarebbe da scrivere un libro ma vi dico che quella somma non va assolutamente nelle casse parrochhiali (non certo del parroco) ma vengono suddivise tra diocesi, certificazioni varie, pubblicazioni ecc ecc. Solo una piccola parte viene utilizzata come offerta per la parrocchia. E comunque, se ognuno si sposasse nella parrocchia di provenienza la predetta cifra non si pagherebbe. Mi dite cosa centra don Pinuccio?
    Il fioraio per il tappeto in chiesa mi ha chiesto € 100,00!!!! MORALE: conviene Don Pinuccio….
    Arrivando all’argomento principe credo che anche qui ci sia molta confusione. Non esiste una distinzione tra festeggiamenti religiosi e civili. Infatti i festeggiamenti civili così come quelli religiosi sono direttamente organizzati dal comitato festa, presieduto dal sacerdote )rappresentante della chiesa e della forania e delle diocesi).
    Questo non succede solo a Copertino per San Giuseppe ma in ogni parrocchia del nostro paese (sono macinnularu) e per ogni altra festa patronale del mondo. Il parroco è tenuto a presentare un preventivo e un consuntivo per la festa che organizza alla diocesi la quale deve dare il suo parere favorevole: è un parere vincolante. Il vescovo, tramite i suoi uffici, può non approvare un bilacio preventivo perchè lo considera troppo oneroso ( a Copertino questo è già successo). In ogni paese i comitati festa, insieme al Parroco, presentano alla città un BILANCIO della festa: uscite, entrate, saldo…. a Copertino perchè non succede??.
    Io non entro nel merito delle luminarie e delle altre spese ma da credente e da devoto di San Giuseppe sono indignato del fatto che la statua venga usata per i comodi di noi cittadini. La statua è un oggetto sacro: come ci si permette durante la processione di fermarla e girarla verso le luminarie che stanno per accendersi? cosa significa fermare la processione e rivolgere la statua verso i fuochi che vengono offerti da questa o da quella ditta??. La statua non serve per fare pubblicità. La statua osserva le luminarie? osserva i fuochi? duranta la processione si prega: chi se ne frega della ditta X o Y? Non darà il contributo? meglio!! si capirebbe se è devozione o solo commercio. E poi: togliete dal collo della statua quella collana costata non so quanti soldi: mica san Giuseppe è un manichino che deve sfoggiare lusso, che deve essere usato per i nostri eretici gusti. Nel Vamgelo che San Giuseppe leggeva è scritto: “Gesù entrò nel cortile del Tempio. Cacciò via tutti quelli che stavano là a vendere e a comprare, buttò all’aria i tavoli di quelli che cambiavano i soldi e rovesciò le sedie dei venditori di colombe. 13E disse loro: “Nella Bibbia Dio dice:
    La mia casa sarà casa di preghiera.
    “Voi invece ne avete fatto un covo di briganti”.
    concludendo: io sarei più contento se la festa venisse organizzata dai frati e dai sacerdoti con l’aiuto di tutti i laici copertinesi di buona volontà. Si addobba solo via Lecce? solo via San Giuseppe? solo la piazza? MEGLIO!!! ALMENO DURANTE LA NOVENA COMPREREBBERO 200/300 SEDIE PER TUTTI QUEGLI ANZIANI CHE QUEST’ANNO SONO RIMANSTI IN PIEDI NONOSTANTE L’INVITO RICEVUTO DAL COMITATO E CHE LO STESSO NON HA ASCOLTATO. Con 50000 euro non si risolve il problema della povertà ma se si raccogliesse questa cifra per 10 anni credo che una bella iniziativa per i poveri, per la nostra città si riuscirebbe a fare.

  28. uno del comitato
    29 settembre 2010 16:45 | #28

    Cara Manuela se fossi in te parlerei soltanto conoscendo perfettamente la situazione…oltre a don Pinuccio dovresti conoscere anche qualcuno del Comitato e l’opinione di qualche altro copertinese…Quoto al 100% le parole d Luigi.

  29. k
    29 settembre 2010 18:30 | #29

    OGNUNO FACCIA CIO’ CHE VUOLE…CHE VADA A PASSEGGIARE LA FESTA CHE VUOLE, CHE VADA AL FIORAIO CHE VUOLE, CHE FACCIA LE OFFERTE AI POVERI O NO, CHE ABBIA VOGLIA DI SPENDERE 100MILA EURO PER IL MATRIMONIO….MA GIU’ LE MANI DALLA FESTA E DALL’ OPERATO DEL COMITATO…LA FESTA E’ QUALCOSA CHE CI CONTRADISTINGUE NEL SALENTO ED IN ITALIA, PROVATE A CHIEDERE AI MIGLIAIA DI TURISTI ARRIVATI….POI SU DON PINUCCIO NESSUN COMMENTO…LA GRANDE MAGGIORANZA DEL POPOLO COPERTINESE LA PENSA ALLO STESSO MODO…FATEVENE UNA RAGIONE…FORZA COPERTINO ED AVANTI CON I FESTEGGIAMENTI!!!!!NON SIAMO FALSI!!!!

  30. uno del comitato
    29 settembre 2010 19:22 | #30

    Caro gb mi dispiace dirtelo ma sei troppo poco informato…i riti civili sono separati da quelli religiosi…quelli civili li organizza il comitato festa,quelli religiosi il parroco.Per quanto riguarda i bilanci, don Pinuccio chiese lo scorso anno di far partecipare alle riunioni del consiglio direttivo del comitato alcuni suoi emissari e il comitato accettò volentieri,ma non si è mai fatto vivo nessuno.Con questo voglio dire che il comitato festa fa le cose alla luce del giorno.Per quanto riguarda la statua,che giustamente come tu dici è un oggetto sacro,vuoi sepere dove va a finire dopo il trasporto del mese di ottobre?Va a finire nel deposito del santuario smontata in vari pezzi.Ora vuoi sapere la storia della collana?Te la racconto in breve: la collana che vediamo fu fatta realizzare dal comitato festa negli anni ’90 (se non sbaglio la Società Operaia) per sostituire la vecchia collana (non meno preziosa) che conteneva una reliquia del Santo e che fu rubata.Per il fatto delle sedie ti informo che il comune possiede oltre mille sedie che mette a disposizone per le varie manifestazioni,basta chiederle!concludo esprimendo solidarietà a don Pinuccio e chiedendo a tutti di informarsi prima di parlare e di sparlare sull’operato delle persone.

  31. giuseppe
    29 settembre 2010 22:26 | #31

    Signori,basta con questa storia,puo andare avanti anche per giorni…basta,COMPLIMENTI e grazie di cuore a tutto il Comitato con a capo il suo presidente Giuseppe GRECO,Tonio BISCONTI e SOCI,grazie di cuore da parte di tutto COPERTINO,grazie don PINUCCIO per quello che fate ogni giorno,signori guardiamo avanti,fra qualche giorno sara’ il 17 OTTOBRE 2010(FESTA DEL TRASPORTO),signori ricominciamo a onorare il nostro SANTO ,VANTO DI TUTTO IL SALENTO,onoriamolo!!!!!Grazie “CIRCOLO SPORTIVO V.VETRUGNO”,grazie don PINUCCIO ,COPERTINO e con voi,basta polemiche

  32. gb
    30 settembre 2010 01:28 | #32

    non si tratta di sparlare. si tratta di scrivere le cose che si vedono. il bilancio nn si deve presentare al parroco ma alla città e poi anche al parroco e alla diocesi. la collana nn contine nessuna reliquia infatti viene tolta prima dell’ingresso in chiesa madre. la statua deve essere smontata non avendo un santuario adatto. pensare di realizzare un qualcosa per i pellegrini con tutte le offerte e magari conservare la statua in modo più degnitoso? Le sedie forse dovevano essere date dal comune ma se i frati le hanno chieste al comitato, quet’ultimo doveva e poteva spendere 5000 euro (per esagerare) per 300 sedie in plastica.

  33. antonella
    30 settembre 2010 08:49 | #33

    Coraggio comitato, non vi scoraggiate ma andate avanti così, le luminarie della festa sono un modo per far conoscere la nostra Copertino,
    è l’unico evento che riesce a creare un pò di economia e turismo alla nostra città.
    Se veramente si vogliono aiutare i poveri ci sono tante occasioni durante l’anno ( come il Natale, la Pasqua, e le faste minori).

  34. k
    30 settembre 2010 17:59 | #34

    tra tutte queste polemiche voglio ricordare una figura che ha accompagnato san giuseppe negli ultimi anni, parlo dell’ ex guardiano del convento, padre massimiliano….ma voi lo sapete che lui era contento per quello che il comitato riusciva ad organizzare per san giuseppe? era felicissimo ed invogliava i ragazzi del comitato a fare sempre di piu’…il ricordo di una persona straordinaria…ti ricordiamo con grande affetto! e noi faremo di piu’!!!!

  35. giuseppe
    30 settembre 2010 20:45 | #35

    Ragazzi del COMITATO FESTE se ci tenete al NOSTRO GRANDE SANTO,continuate nel Vostro progetto,COPERTINO TUTTA E’ CON VOI.sicuramente l’anno prossimo tutti uniti con don PINUCCIO SACINO faremo ancora di meglio.NON MOLLATE RAGAZZI DEL CIRCOLO “V.VETRUGNO”

  36. sfizioso
    1 ottobre 2010 23:30 | #36

    grande comitato l’anno venturo ancora piu’ grande e piu’bella non mollate noi copertinesi siamo con tutti voi e come si dice l’unione fa la forsa

  37. Maurizio
    2 ottobre 2010 23:15 | #37

    cosa intendete x la Statua smontata pezzo pezzo? la statua viene sistemata nella stanza delle Reliquie con tutta la base come si vede in processione; certamente forse rimane un pò nascosta, e potrebbe essere girata in direzione della porta…

  38. Luigi
    3 ottobre 2010 08:24 | #38

    Io sono daccordo con Manuela di Galatone. Anch’io ho notato che alcuni di quelli che parlano male di Don Pinuccio preferiscono non palesare la propria identità (uno del comitato, kkk). A Maurizio dico che, a volte, chi è “fuori zona” riesce a dare un gudizio più obiettivo di chi vede più da vicino la persona in questione. Manuela conosce Don Pinuccio senza essere condizionata da quei copertinesi che parlano male di Don Pinuccio, senza sentire chi diffonde dicerie infondate, magari (un pò vigliaccamente) non facendosi riconoscere. Sicuramente Maurizio (di Copertino) sente tante voci (buone o meno buone) ma dà credito a chi parla male di Don Pinuccio (chissà se lui sa spiegarsi il perchè di questa sua scelta). Io sono di Copertino ed ho riconosciuto la parte buona di diversi compaesani (tra i quali Don Pinuccio) solo da poco, proprio a causa di quella gente a cui piace o interessa essere velenosa.
    Mi dispiace che i rapporti tra don Pinuccio e Comitato Festa non siano buoni come ci si aspetta (mi sebra di capire da quello che afferma “uno del comitato”). Dovrebbero cooperare insieme per la buona riuscita della festa patronale per far contento San Giuseppe nostro e far godere davvero il clima di festa a tutti i copertinesi…fateci questo regalo il prossimo anno.
    Preferisco chiudere con il commento più importante. Vi siete allontanati dalla questione fondamentale. Don Pinuccio è accusato di AVER PRESO UNA TANGENTE (atto illegale), qualcuno ha parlato di quote di matrimoni, offerte (vere)…che siete liberi di considerare alte ma sono comunque legali. Quello che è peggio: chi accusa di queto Don Pinuccio non si palesa. La ritengo una vigliaccata da parte sua. Allora…non diamo credito ai vigliacchi se davvero vogliamo migliorare la nostra Copertino.
    Ho gradito la “chiosa” di Giuseppe che invita a non fare più polemiche.

  39. copertinese
    3 ottobre 2010 10:52 | #39

    Io direi che semplicemnete si è superato il limite…perchè nessuno compreso Don Pinuccio non vuole la festa… tutti sappiamo quanto sia importante anche per copertino la festa in sè: turismo ecc…basterebbe avere meno sprechi, soldi che bruciamo in tre giorni…un ultima cosa per chi non lo sapesse: IL PARROCO DELLA CHIESA MADRE DI COPERTINO (oggi si chiamo Don Giuseppe Sacino domani sarà chi il Signore vorrà) E’ IL PRESIDENTE DELLA FESTA DI SAN GIUSEPPE DA COPERTINO…forse che siccome è scomodo tutti se lo dimenticano???

  40. Antonio
    3 ottobre 2010 19:18 | #40

    Cari copertinesi “che state mettendo al rogo” don Pinuccio, chi scrive è un copertinese che non vive a Copertino ma che conosce don Pinuccio. Sono pienamente convinto che oltre ad essere un santo sacerdote è un UOMO onesto. (State quindi prendendo un abbaglio, ve lo dico con molta serenità. Carissimo don Pinuccio a te dico “Nemo profeta in patria”. Cordiali saluti a tutti e una serena discussione sull’ analisi dei fatti.

  41. simone
    6 ottobre 2010 10:30 | #41

    Sicuramente (o almeno spero) le calunnie nei confronti di Don Pinuccio sono false, ma caro sig. Antonio paragonarlo ad un “profeta” o addirittura ad un “santo” mi sembra eccessivo. Lui fa tutto quello che dovrebbe fare un comune sacerdote.

  42. Valentina
    6 ottobre 2010 13:14 | #42

    Quest’anno non ho assistito alla festa di San Giuseppe….ma ho visto i vari video pubblicati su Youtube….stupefacente e meravigliosa!
    …per quanto riguarda tutti i moralismi….vi posso dire che, per sposarsi, non c’è bisogno della chiesa..c’è anche il rito civile..se si decide per il rito religioso..si accettano anche “le offerte”..bisogna essere coerenti e credenti!!! Per quanto riguarda “la solidarietà verso chi ha bisogno”…è libera e può essere fatta in qualsiasi giorno dell’anno….l’unicef, medici senza frontiere e altre associazioni di importanza internazionale(anche di impronta religiosa)…hanno dei c.c. a cui far pervenire le offerte!… ed in questo caso sarete certi che i “vostri soldi” non passeranno per mani “poco pulite”!!!…Basta poco…che ce vò!

  43. NiKo
    6 ottobre 2010 20:39 | #43

    Credo che la festa di quest’anno sia stata stupenda e grazie a questa festa Copertino è stata invasa da migliaia di turisti. E’ l’unico modo in cui può essere conosciuta la nostra città in quanto gli amministratori non fanno niente per incrementare diversamente il turismo. Sono loro che dovrebbero costruire strutture dove ospitare i pellegrini (Che fine ha fatto Il Serafico? acquistato dal comune molti anni fa?). Grazie alla festa molte persone hanno visitato la città, hanno creato lavoro per i commercianti che durante l’anno lavorano poco e di conseguenza hanno anche visitato la chiesa e lasciato le loro offerte. Si può dire che Copertino vive solo in quei pochi giorni della festa.

  44. copertinese deluso
    6 ottobre 2010 22:06 | #44

    Sono veramente angosciato che una festa per un grande Santo come il nostro San Giuseppe debba essere criticata in questo modo, adducendo fatti di ordine sociale, civile e chi più ne ha più ne metta…Noto come i copertinesi abbiano nel sangue la proprietà (l’invidia)che tende a distruggere qualsiasi cosa o evento positivo che si possa realizzare. La festa di San Giuseppe da Copertino per come è organizzata porta a Copertino centinaia di migliaia di fedeli; porta lavoro (anche se limitatamante per quei giorni) alle attività commerciali logorate dall’attuale situazione economica; fa lavorare nei giorni di festa molte famiglie (anche africane, cinesi ecc.) e non ultimo fa conoscere all’Italia e al mondo un paese con il suo grande Santo.
    Spegnete la devozione e spegnerete la fede come è accaduto in molte parti d’Italia e del mondo. Non sapete che la grandezza di un santo per noi terreni è data dal numero di pellegrini che fanno visita al santo? Vi sembra opportuno adesso che San Giuseppe viene onorato da tanta gente proveniente da molte parti della nostra penisola anche per merito di una festa così grandiosa, la si debba denigrare in questo modo?
    Sento il dovere di ringraziare vivamente quelle persone del comitato esposte a tante critiche anche da parte di coloro i quali dovrebbero essere grati di tanto impegno visto che lasciano mogli e figli per un anno intero per dedicarsi alla riuscita della festa religiosa e civile (anche se li esorto ad una maggiore collaborazione con il responsabile religioso).
    Lamento al responsabile religioso la cattiva abitudine di parlare ai quattro venti attraverso la radio e alla presenza di fedeli forestieri, durante le messe, di fatti riguardanti il nostro paese “i panni sporchi si lavano in famiglia” o no?
    Ho letto che il comitato dovrebbe farsi carico dei problemi che spettano al Comune, delle strade da asfaltare, dei poveri, dei diseredati ecc. ma chi dovrebbero essere questi I SUPER EROI? Di questi problemi pur complessi ed importanti dovrebbero occuparsi altri enti e non un semplice comitato che di problemi ne ha persino troppi!
    Mi auguro che Copertino si desti da questa situazione di inerzia e progredisca sulla via del progresso e della fraternità reciproca!!!

  45. Antonio
    7 ottobre 2010 16:42 | #45

    Caro sig. Simone,le calunnie sono sempre false! Le rispondo per chiarirle le mie affermazioni circa don Pinuccio:
    - sulla sua santità non sono io a decidere, i santi per quanto ne so si elevano agli altari una volta “passati a miglior vita” dopo lunghe e accuratissime indagini da parte della Chiesa. Il santo sacerdote da me citato è riferito esclusivamente a quello che lei stesso attesta dicendo “un comune sacerdote”, appunto, quello che fanno i sacerdoti “normalmente” cioe’ svolgendo la loro missione, in poche parole, santificando le persone;
    - quanto al proverbio da me citato e comunemente usato, la definizione di profeta sta a specificare l’incomprensione spesso diffusa tra le persone dei propri posti verso un paesano, anche quando quest’ultimo dice o fa ualcosa in maniera corretta. E’ la “paesanità”, mi si passi il termine e talvolta il pregiudizio impediscono di vedere questo con la necessaria lucidità e serenità.
    Spero di essere stato sufficientemente chiaro. Un saluto e rinnovo l’augurio di una serena analisi dei fatti.

  46. TETTI
    11 ottobre 2010 19:22 | #46

    Mi congratulo con Don Pinuccio che ha avuto il coraggio di mettere in chiaro alcunecose. non sono d’accordo con il comitato perchè sono ripassati con il quaderno in mano obbligandomi a dare altri soldi.

  47. Gianluca
    16 ottobre 2010 23:45 | #47

    Mi sono chiesto: perchè e stato fatto la Torre di Pisa a Copertino! Mi potete dare una risposta? Spero che ha un significato.

  48. maria
    18 ottobre 2010 11:11 | #48

    I copertinesi la festa la organizzano solo e soltando per il nostro amato San Giuseppe non per diventare ricchi o per andare a cena come qualcono ha detto. Chi ha fatto parte di tutti i comitati sa e capisce quanto lavoro c`e’ per organizzare un evento del genere e chi e’ di fuori paese lo invito a non entrare in merito a certe discussioni. Per quanto riguarda il caro Don Pinuccio vorrei farle due domande: cosa lui intende per poveri??????? e cosa vuol dire quando sull’altare lui invita la gente che va in processione a non sfilare e a non chiaccherare perche’ la processione e’ un momento di preghiera!!!!!!!!Caro Don Pinuccio i poveri per te sono tutte le persone che hai avuto a pranzo nel periodo natalizio quando hai fatto diventare la NOSTRA chiesa Madre un ristorante per giunta comunale e tuoi stretti collaboratori???????????? e lei che durante le varie processioni si trasforma le nostro Papa Benedetto XVI a salutare a sorridere tutti anche chi del suo saluto non sa proprio che farsene???????????L’UMILTA’ Don Pinuccio L’UMILTA’ deve venire proprio da Voi sacerdoti non Vi lamentate che le chiese sono vuote soffermatevi allo specchio un minuto di piu’ la mattina e tante cose andrebbero meglio.

  49. copertinese
    18 ottobre 2010 14:01 | #49

    Cara Maria non posso non risponderti come parrocchiano di quella che tu chiami la nostra Chiesa Madre. Posso dirti cara Maria (senza ironia ma con rispetto) che il pranzo di Natale per i poveri non è stato fatto per giunta e collaboratori. Cara Maria quel pranzo a cui io ho preso parte attivamente nell’organizzazione venne concepito come Pranzo DI COMUNITA’ alla quale sono stati invitate anche e soprattutto le persone povere..non credi che invitando solo loro si sarebbero sentite etichettate???hanno molta dignità della loro situazione…inoltre c’erano molti extra-comunitari. Aggiungo molte persone che hanno preso parte sono persone che hanno magari altri tipi di malattie…non solo fisiche…SA MARIA PERCHè IL SUO PARROCO (visto parla di nostra chiesa matrice) SALUTA I FEDELI DURANTE LE PROCESSIONI? perchè molte persone dopo vanno da lui anche a confessarsi e dicono”FINALMENTE UN PRETE CHE CI SALUTA E NON ASPETTA IL SALUTO”. un ultima nota sulla festa: nessuno ha mai messo in dubbio l’enorme mole di lavoro che deve affrontare la commissione: esistono sempllicemente delle norme canoniche che vanno rispettate da tutte le commissioni festa. MI PERMETTO ORA DI DARTI DEL TU: LA TUA PARROCCHIA E’ SEMPRE APERTA PER TUTTI PERECHè NON FARNE PARTE PIU’ ATTIVAMENTE? CON AFFETTO

  50. NiKo
    18 ottobre 2010 20:09 | #50

    Per la festa di San Giuseppe del prossimo anno,visto ch il caro Mons. Dott. Don Giuseppe Sacino ha fatto fuori tutte le commisioni feste cittadine, si consiglia di togliere la statue dei Santi e mettere l’unica statua degna di essere festeggiata…… quella Sua.

  51. simone
    19 ottobre 2010 08:00 | #51

    chi non e di copertino stia zitto…. perche non dite a don pinuccio o meglio dire monsignor arciprete illustrissimo dei miei stivali di dare un centesimo della sua proprieta ai poveri salverebbe centinaia di persone dalla miseria.credetimi……….

  52. maria
    19 ottobre 2010 11:30 | #52

    vedo cara copertinese che mi difendi tanto l’amato parroco Don Pinuccio che sei molto intima visto che ti racconta cosa vanno a confessarsi i fedeli e che lo ringraziano che finalmente c’è un sacerdote che saluta durante le processioni…..Te lo ripeto a te e a lui L’UMILTA’ scendete dal piedistallo…

  53. fenice
    19 ottobre 2010 13:35 | #53

    L’unica soluzione ai problemi è sempre dialogare ragionevolmente!!!

  54. h
    19 ottobre 2010 18:07 | #54

    GRAZIE DON PINUCCIO! LA PROCESSIONE DEL TRASPOSTO DI DOMENICA ERA UNO SCHIFO…TI SEGUIVANO SOLO I TUOI SEGUACI…MA SONO CONTENTO DI UNA COSA…NON HAI AVUTO LA FORZA DI SALUTARE LA GENTE CON IL TUO MODO PAPALE DI FARE…ORGANIZZA PURE MA L’ ANNO PROSSIMO NON RICEVERAI UN EURO DAI COPERTINESI!!!!

  55. marco
    19 ottobre 2010 19:30 | #55

    famiglie povere???????nn scherziamo che vanno a lamentarsi in chiesa e poi hanno macchina buona,sky,computer,casa data in affitto dal comune e la sigaretta sempre in bocca…..ma quali poveri….poi nn parliamo delle mafie delle varie chiese che chiedono soldi per tutti i sacramenti….ma andate va

  56. copertinese
    19 ottobre 2010 22:27 | #56

    CARA MARIA, VEDI COPERTINESE NON VUOL DIRE CHE SIA UNA DONNA. SONO UN UOMO E COME VEDI NON POSSO ESSERE UNA SUA AMICA INTIMA. PARLI DI UMILTA’: NON TI SEMBRA DI GETTARE FANGO INUTILE SULLE PERSONE???LA FRASE CHE HO SCRITTO, POI, NON è STATA DETTA IN CONFESSIONE.
    DOMANDA IN GENERALE MA NOI AMIAMO LA FESTA: PALI, LUMINARIE ECC…O SAN GIUSEPPE CHE CI CHIEDE UNA COSA: AMARE IL SIGNORE GESù…???

  57. copertinese
    19 ottobre 2010 22:29 | #57

    CARO/A H E TUTTI IN GENERE MA A COPERTINO INTERESSA SAN GIUSEPPE = FESTA (PALI, LUMINARIE..) OPPURE IL SAN GIUSEPPE CHE CI CHIEDE UNA COSA SOLA: AMARE IL SIGNORE GESù???

  58. maria
    20 ottobre 2010 09:34 | #58

    Questa domanda rivolgila per primo al nostro reverendissimo monsignor arciprete Don Pinuccio, e poi sinceramente non ne vale la pena discutere con persone che vedono solo a senso unico una cosa è certa per quanto mi riguarda se sarà lui a organizzare la prossima festa a San Giuseppe non avrà un centesimo e spero che sia così per la maggiorparte dei copertinesi…che se la facesse con il suo stipendio la festa sicuramente ci saranno più luminarie di quest’anno…A tutti i copertinesi lottiamo perchè San Giuseppe rimanga a casa sua nel convento perchè deve per forza andare alla chiesa Matrice???????penso che lo statuto si possa anche cambiare no?????????????

  59. giammy
    20 ottobre 2010 10:38 | #59

    Carissimi amici, vorrei dare un contributo costruttivo alla discussione e dire al “copertinese”, se di copertinese si tratta, che il binomio San Giuseppe-festa riesce a favorire un pellegrinaggio abbastanza copioso che nella nostra Copertino porta a dei risvolti sicuramente positivi anche nella riscoperta della fede di copertinesi e non.
    Assodato che in un paese povero come il nostro, i poveri saranno sempre più poveri, se non si crea movimento soprattutto di persone che provengono da fuori, nel periodo di festa e anche dopo, richiamate dall’eco di tanta grazia operata per intercessione di San Giuseppe, come responsabile della festa don Pinuccio può smontare tutto ciò e allora cadrà anche l’ultimo baluardo per la quale Copertino fa riechieggiare il suo nome per grazia di San Giuseppe.
    Ricordo, riferendomi agli ultimi fatti accaduti, che bisogna essere OPERATORI DI PACE e quindi costruttori di ponti e non fautori di SCISSIONI che generano sentimenti di odio, perchè chi desidera la festa (la maggior parte dei copertinesi), sono anche quei fedeli devoti di San Giuseppe che tengono a modello le sue gesta per rendere gloria al DIVINO MAESTRO CRISTO GESU’.
    Beato chi sceglie, caro don Pinuccio, la mitezza, la benevolenza, pa pazienza, l’umiltà ed ha un cuore grande e sa perdonare: nell’interesse della cumunità di Copertino hai agito in questo modo???
    Dovremmo diffondere l’AMORE DIVINO E FRATERNO ed essere riflesso della BONTA’ di DIO, e non lasciarci trasportare dall’onda del risentimento e creare divisioni nella collettività. Costruire un paese in cui regna la concordia e la pace, non deve essere un utopia solo di chi scrive queste righe ma un progetto ambizioso che ci deve tutti accomunare.
    Lo spirito di festa infonde gioia nei cuori dei fedeli facendo dimenticare per qualche giono i problemi che ci angustiano in questo particolare periodo…..è un peccato questo???? E’ un peccato se attraverso una bella festa si richiamano a Copertino tanti pellegrini che elevano al Santo e quindi a DIO preghiere di suppliche e di ringraziamento???
    Ricordo, per ultimo, a don Pinuccio che ha poco tempo (mi riferisco al madato pastorale), per essere ricordato dai posteri come il sacerdote in grado di aver costruito con tanto amore e dedizione anzichè ver distrutto oltre che la festa anche tante aspettative di noi copertinesi.
    Con amore fraterno.

  60. aldo
    20 ottobre 2010 11:47 | #60

    …a tutti gli “sparlatori”, a chi parla a vanvera, a chi non sa accettare un “rimprovero” pastorale, a chi fischia durante una funzione religiosa in processione, a chi “calunnia”, a chi probabilmente non conosce la propria storia paesana, a chi dice di amare Copertino, a chi dice di amare San Giuseppe, a chi “odia” don Pinuccio, a chi non sa ascoltare, a chi non sa vedere, a chi non sa leggere, a chi non accetta il giudizio o il commento dei “non-copertinesi”, a chi maschera con la religione e la fede i propri interessi profani, a chi non si documenta prima di parlare, a chi non fa che remare contro, a chi non apre il suo cuore, a chi l’umiltà la vuole negli altri ma non a casa propria, a chi è sacerdote, a chi non lo è, a chi è ateo e a chi non lo è… leggete quanto riportato nel documento della Conferenza Episcopale Pugliese, vi riporto uno stralcio.
    Firmato: Aldo (…ma non di Copertino!)
    Ad majora

    “…è opportuno non chiudere gli occhi su elementi estranei o ambigui e su abitudini distorte e consolidate, sfocianti su anacronismi evidenti nella organizzazione e nello svolgimento di dette feste: aspetti questi che, non poche volte, fanno acquisire modalità contrarie al messaggio evangelico e allo stile ecclesiale.
    3. Festa per Dio.
    La fedeltà a Dio, come principio ispiratore di ogni manifestazione religiosa, esige che ogni festa deve essere un momento forte di evangelizzazione teso a coinvolgere in ogni modo, vicini e lontani, Memori di quanto già abbiamo avuto modo di richiamare in altra circostanza, ribadiamo:
    “Per un errato senso di modernità, per l’intromissione di persone preoccupate più dell’apparato, [...] per il prepotere di comitati non sensibili ai valori morali e religiosi, le feste religiose spesso si sono trasformate in occasione di sperpero di denaro, di dissipazione o, peggio, di peccato. Se mediante una opportuna catechesi le nostre comunità comprenderanno la dimensione ecclesiale e il valore educativo della festa religiosa, il nostro appello sarà accolto da tutti con docilità e vedremo così rifiorire feste religiose come autentiche manifestazioni di pietà popolare”. (4)”

    …ed ancora…

    “3.7 La processione, segno emergente nella ritualità della festa religiosa popolare, deve mantenere il suo carattere sacro evitando ogni commistione con realtà profane.
    Al fine poi di evidenziare sul piano del segno liturgico il valore della processione come espressione di un popolo in cammino, essa deve essere animata da canti, brani biblici e preghiere.
    Se poi le processioni si dovessero ridurre “a cortei di pochi, occorre eliminarle coraggiosamente, tenendo anche presente che il moltiplicarsi eccessivo di esse porta fatalmente a una certa svalutazione e a un decadimento nel ritualismo”.”

    …ed ancora…

    “4.4 Nel programmare le spese ci sia “gusto evangelico”, onde garantire un dignitoso apparato esterno, senza eccedere nello spreco. (9) Non è permesso, pertanto, invitare gruppi musicali, cantanti, artisti che con le loro proposte nulla hanno in comune con lo spirito evangelico di cui le feste sono portatrici. Si auspica invece che dalle nostre comunità ecclesiali vengano fuori nuove forme di manifestazioni culturali, promozionali del genio di ogni paese e più aderenti alla sensibilità contemporanea.
    Ribadiamo con fermezza quanto già disposto da questa Conferenza: è vietato fare aste pubbliche per portare la statua di un santo; chiedere offerte nel corso della processione; esibire denaro sui simulacri; far sostare la processione in vista dei fuochi d’ artificio.”………….

    ………forse quel “pastorale rimprovero del parroco” cascava ad hoc!!
    AD MAJORA!

    Per chi volesse “ascoltare” e “leggere” prima di calunniare, il documento:
    http://www.arcidiocesibaribitonto.it/curia/settore-laicato/ufficio-laicato/Conferenza%20Episcopale%20Pugliese%20-%20Nota%20LE%20NOSTRE%20FESTE.pdf

  61. manuela
    20 ottobre 2010 12:23 | #61

    manuela di galatone……..SONO SENZA PAROLE…VERGOGNATEVI….MA VOI VOLETE CHIAMARVI CRISTIANI????????CREDO PROPRIO DI NO….MA SI PUO’ AVERE UN COMPORTAMNTO TANTO VERGOGNOSO…….NON SONO DI COPERTINO E CHE VUOL DIRE NON POSSO PARLARE??????”ALMENO IO METTO NOME E PAESE….E VOI??????? NOMIGNOLI E INGIURIE…..POI DURANTE LA PROCESSIONE KE SCHIFO MI VERGOGNO X VOI….UN CONSIGLIO NON ENTRATE + IN UNA CHIESA NON SIETE DEGNI…..

  62. angel
    20 ottobre 2010 12:43 | #62

    Carissimo Aldo più che commento la tua mi sembra la canzone di Rino Gaetano:ma il cielo è sempre più blu!!Comunque se come dici tu non sei di Copertino ti consiglierei di occuparti delle cose del tuo paese,come recita un proverbio del mio bis bis nonnno!!!!!!!

  63. aldo
    20 ottobre 2010 14:38 | #63

    …mio caro Angel, (ma solo di nick, dovresti provare ad elevarti (se sei angel) in quel “cielo sempre più blu” e guardare da un’altra prospettiva, ed essere cittadino del mondo, tanto con gli occhi quanto con il cuore… il fatto è che ti limiti solo a fare paragoni inutili piuttosto che leggere i dati, i documenti e le norme canoniche alla mano!!!
    …trattasi di un forum, dove ciascuno può lasciare commenti, dove anche il tuo bis bis nonno se fosse vivo potrebbe lasciarne, ma probabilmente ti sta guardando da lassù…e da lassù starà piangendo per la sua Copertino…che ha dato prova, anche domenica scorsa nell’ultimo atto della festa di San Giuseppe il cosidetto “Trasportu”, di inciviltà ed ignobili comportamenti… per cui mi dispiace, ma dopo essere arrivati a tanto io mi interesserò INFORMANDOMI ADEGUATAMENTE delle cose del mio paese, ma come paese e come comunità la vostra è scivolata molto in basso, prova ne sia gli articoli sui giornali… ma dimmi?!?!…andrai anche a dire al giornalista che ha scritto di occuparsi di ciò che accade nel suo paesa?!?!?!?
    AD MAJORA

  64. giammy
    20 ottobre 2010 16:36 | #64

    Caro Aldo quando lo stato d’animo che sottende la fede rimane ingabbiato nelle “LEGGI O NORME CANONICHE”, può portare scarsi frutti per il regno di Dio. Fresco è il racconto di San Filippo Neri cui la norma canonica gli imponeva di confessare solo nel tempio e lui trasgredendo la norma confessava in ogni luogo: la grazia di Dio è presente in ogni luogo e arriva ovunque. Anche i sacerdoti al tempo di Cristo volevano far cadere Gesù su quelle famose leggi e/o norme cercando di ostacolare e osteggiare i suoi insegnamenti. Di esempi come questi ne esistono tanti basta andare a vedere un pò la vita dei Santi nei tempi passati quante mortificazioni hanno subito a causa di certe norme canoniche. Con questo voglio dire che bisogna conoscere le norme, ma bisogna concedere al popolo anche la libertà di manifestare, con dignità e decoro,il proprio sentimento per il proprio Santo il Serafico San Giuseppe.
    Agganciandomi a quello che scrive Manuela da Galatone, aggiungo che solo il copertinese devoto è in grado di percepire quel fremito che in un istante gli attraversa il corpo alla vista del Santo che viene portato in processione ciò che molti altri non riescono a comprendere (non ti dico poi quando nel 2004 in occasione del quarto centenario della nascita le sue spoglie mortali fecero ritorno a Copertino anche se per poco).
    Ecco il motivo di tanto frastuono e clamore.
    Infine ti suggerisco di “NON GIUDICARE PER NON ESSERE GIUDICATA” perchè il giudizio ultimo spetta al SOMMO DIO.
    Fraternamente Gianmarco da Copertino.

  65. angel
    20 ottobre 2010 17:44 | #65

    caro mio Aldo mi fa tanto piacere che hai risposto vorrà dire che un pò te la sei”sentita”.I comportamenti incivili come dici tu non piacciono anche a me,ma prima di sparare alla cieca vorrei che sentissi anche l’altra campana che ne ha da parlare credimi!!Tu ti nascondi dietro il documento Episcopale ma i veri religiosi hanno saputo guardare oltre e se sei un uomo davvero colto in questo ambito sapresti a che cosa mi stia riferendo!!!Sono anche le antiche tradizioni che mantengono in vita la devozione del nostro amato San Giuseppe, ma non ti biasimo se non riesci ad afferrare il senso in fondo solo un copertinese può sentire certe emozioni.Io ti consiglio nuovamente di non perdere tempo dietro a dei documenti perchè solo il cuore e l’amore per certi valori,superano tutto.I miei ossequi

  66. manuela
    21 ottobre 2010 22:15 | #66

    caro “angel”…l’altra campana sa solo fischiare e no parlare x me…e poi mi avete “trasmesso” molte emozioni e ke cuore avete batte molto forte si sente….mancava solo ke buttaste pomodori domenica….io spero sinceramente ke siate + Cristiani e l’ho scritto kn la C maiuscola…..ke centra copertino,galatone, milano ecc…………i valori sono valori,la civiltà non ha paese…..e la fede,la devozione non si limita ai 3 gg di fuochi d’artificio, luminarie e bancarelle ma la devozione x qualsiasi Santo dev’essere viva tutti i gg dell’anno…io sinceramente condanno copertino x questo comportamento ORRENDO nei confronti di don Pinuccio,o di qualsiasi altro uomo calluniato e poi insultato in questo modo….DISTINTI SALUTI

Devi esserti collegato per inviare un commento.