Copertino Online

il primo magazine on line su Copertino

Auto sbanda, impatto killer: Due morti e tre feriti

- COPERTINO – Tragedia questa mattina sulla Galatina-Copertino. Tutti 18enni i ragazzi coinvolti. Matteo Malia, che sedeva al lato, è morto sul colpo. E nel tardo pomeriggio è spirato anche l’amico Marco De Paolis. L’auto ha preso un muretto a secco. Un impatto devastante. La vecchia Fiat Palio ha fatto un volo, ribaltandosi su se stessa per una cinquantina di metri ed è scivolata sull’asfalto, prima di arrestarsi definitivamente, ormai irriconoscibile, distrutta, accartocciata.

Gli occupanti, tutti sbalzati fuori. Tutti tranne uno, il giovane che si trovava al fianco del posto di guida. Morto sul colpo. Un’altra tragedia della strada, tutti 18enni i ragazzi coinvolti, tutti di Copertino, amici fra loro, e questa volta il bilancio è davvero pesante: oltre al ragazzo deceduto, Matteo Malia, è spirato nel tardo pomeriggio anche Marco De Paolis, che aveva riportato una frattura della scatola cranica. I medici hanno fatto di tutto per strapparlo alla morte, me per lui alla fine non c’è stato nulla da fare.

Tutto è successo in tarda mattinata lungo la provinciale che collega Galatina a Copertino, quasi all’imbocco della statale 101. Di fatto, a metà strada fra i due comuni. Un lungo rettilineo, sul quale la Palio viaggiava probabilmente a velocità sostenuta, considerata la forza dell’urto. Ancora non è chiaro il motivo per cui il giovane che si trovava alla guida, abbia perso il controllo del mezzo. Certo è che l’auto ha avuto uno sbandamento verso destra e che dopo l’impatto, due ragazzi sono finiti in mezzo alla strada, sull’asfalto nudo, altri due in mezzo alle campagne. Sbalzati letteralmente fuori dall’abitacolo.

Malia, invece, è rimasto incastrato fra le lamiere. Ed è lì che ha perso la vita. La Palio, dopo essere finita in mezzo alle campagne, ha urtato contro un muro che delimita un vigneto e, ribaltandosi, è ritornata sulla strada, riducendosi ad un ammasso di lamiere. Sul posto, sono arrivati i vigili del fuoco da Lecce che, con un mezzo meccanico, hanno dovuto rigirare l’auto, per poter poi tagliare gli sportelli ed estrarre il cadavere dall’abitacolo. Gli altri ragazzi, sono stati invece soccorsi dai medici del 118 e condotti d’urgenza fra gli ospedali “Vito Fazzi” di Lecce e “San Giuseppe” di Copertino.

Gli atri tre ragazzi risultano gravi. Ricoverati anche Gianmarco Spagnolo, Gianluca Pagano e Giovanni Ciccarese. E’ quest’ultimo che probabilmente si trovava alla guida dell’auto.

Per la ricostruzione della dinamica, sono intervenuti i carabinieri della tenenza di Copertino, supportati dai colleghi di Galatina. Sul posto, anche mezzi della protezione civile per regolare il traffico.

fonte:lecceprima

  1. Roberto
    18 ottobre 2010 18:18 | #1

    Quella è una strada maledetta…..piena di buche e con l’asfalto che ci mette poco a buttarti fuori strada…e la provincia dorme.,

  2. Degas L.
    18 ottobre 2010 19:18 | #2

    mi Spice tanto per quei ragazzi , anche se non ho capito ancora di chi si tratta.
    Per quanto riguarda il rifacimento delle strade, ragazzi blocchiamo tutto il paese e salviamo la nostra e la vita degli altri. Comuni, province, regioni, e governo pensano solo a mettere soldi in tasca.
    ma tutte le tasse che paghiamo dove vanno a finire? in tasca loro. e allora rivolta!!!

  3. NiKo
    18 ottobre 2010 19:58 | #3

    Il mio pensiero va a quei genitori che hanno con tanto amore cresciuto questi sfortunati ragazzi. Io da genitore di due bambini voglio essere vicino con un sincero abbraccio fraterno.

  4. francesco
    18 ottobre 2010 20:42 | #4

    esprimo un sentimento di vicinanza alle famiglie dei ragazzi coinvolti in questa ennesima tragedia della strada…..poveri ragazzi….poveri genitori…..

  5. Verdiana
    18 ottobre 2010 22:03 | #5

    Gianluca forza e coraggio c’è la fai ti siamo vicini…prego per te affinchè tu possa guarire e riprendere a vivere una vita piena di gioia affianco alle persone che ti voglio bene…oggi purtrpp hanno perso la vita 2 tuo amici ma da lassù ti aiutano quindi lotta lotta e lotta per i tuoi cari che in questo momento vivono attimi di angoscia FORZA SIAMO TUTTI CON TEEEEE e anche con gli altri 2 ragazzi che insieme a lui lottano per vincere la morte…voglio inoltre dire che la vita è un dono molto prezioso e quindi non buttatela per divertimento per degli scherzi cretini STATE ATTENTI MENTRE GUIDATE…NON ROVINATE LA VITA ALLE VOSTRE FAMIGLIE PER LA VOSTRA INCOSCIENZA…SIATE RESPONSABILI E SPERO CHE CON QUEST’ENNESIMA STRAGE QUALCUNO RIESCA A METTERE LA TESTA A POSTO…

  6. emanuele
    18 ottobre 2010 22:10 | #6

    ragazzi queste tragiche notizie ci addolorano ma la morte di quei poveretti non servirà a nulla se non comprendiamo che sulle strade bisogna essere prudenti. La vita è preziosa e bisogna saperla custodire. La F1 lasciamola alla televisione

  7. Lea Anna Maria
    18 ottobre 2010 23:10 | #7

    Non ci sono parole che possano consolare i genitori di Matteo e Marco! Il mondo per loro si è fermato insieme alla vita dei loro figli!.Ma tante parole invece bisogna continuare a dire ai ragazzi che non sono prudenti! ma sopratutto ai responsabili del manto stradale della Galatina-Copertino!!!!

  8. Maurizio
    19 ottobre 2010 07:33 | #8

    …… Continuiamo a contarli???…… chi sarà il prossimo…… In considerazione a quel tratto di strada IO HO spesso scritto sul sito del Presidente della provincia di Lecce che quella strada va messa in sicurezza perchè stretta e sconnessa. QUESTA amministrazione nn ha mai risposto, e la PASSATA si è limitata a dire semplicemente moderate la velocità…. certo è chi lo nega…… Io però faccio una sola domanda….. E SE FOSSE SUCCESSO A QUALCUNO DI LORO….. credo che all’alba del giono successivo avrebbero già appaltato i lavori per in rifacimento del manto stradale…….. Da questa pagina vorrei lanciare un appello al ns rappresentante di zona dott. Pando….. Egr. alla luce dei fatti nn si può più stare a guardare….

  9. salvatore
    19 ottobre 2010 10:01 | #9

    Purtroppo, quando succedono queste tragedie, è sempre chi rimane che non si dà pace.
    Ai due ragazzi: R.I.P.
    Alle famiglie: un forte abbraccio.
    A tutti gli altri ragazzi: la vita è una sola. Tenetene conto!

  10. tonio
    19 ottobre 2010 10:58 | #10

    ragazzi 18 enni neo patentati, vi parlo da un vero amico io in ben tre anni ho perso 3 amici del cuore della mia infanzia uno di 16 anni, uno di 18 anni e uno di 19 anni e non voglio dirvi come sono stato e come rivivo quei momenti quando sento queste tragedie questi incidenti stradali maledetti,tutta colpa della disattenzione, ecco proprio per quest’ultima sono successi incidenti gravissimi.. xfavore quando avete un mezzo nelle mani pensate solo a guidarlo a stare attenti e non a scambiare la parola con l’amico accanto, a ridere a pensare ad altro, non sentitevi fenomeni perche i fenomeni non esistono, basta solo un secondo, una manovra azzardata e poi a finire chi sà dove…. non voglio aggiungere altro con queste parole spero che le leggette tutti x capire quanto è importante la vita x noi ragazzi è vero siamo di passaggio nella nostra vita però viviamola ogni giorno, ogni istante in modo felice e facciamoci voler bene dalle persone che ci stanno accanto..anch’io 4 anni fà ho visto la morte in faccia per un incidente stradale insieme ad un mio amico e d’allora ho capito quanto è importante la vita… un forte abbraccio alle famiglie che purtroppo hanno perso il proprio figlio così giovane… RAGAZZI MI RACCOMANDO ATTENTIIIIIIIII…

  11. FRANCO
    19 ottobre 2010 12:19 | #11

    OGNI VOLTA CHE ACCADONO EVENTI COME QUESTI NE PARLIAMO, CERCHIAMO DI PREVENIRE.

    BISOGNA AVERE IL CORAGGIO DI IMPORRE REGOLE RIGIDE PER TUTTO.

    BASTA CON QUESTE MORTI ASSURDE .

    UNA PREGHIERA AI POVERI RAGAZZI E AI GENITORI LA MIA VICINANZA NEL MOMENTO DEL DOLORE

Devi esserti collegato per inviare un commento.