Copertino Online

il primo magazine on line su Copertino

Rapinano escavatore e sventrano muro: via col bancomat

- COPERTINO –Tre banditi hanno disarmato un vigilante sulla Leverano-Copertino, poi si sono diretti con un escavatore rubato da un cantiere verso il distributore Renis gas, sventrando il muro. Fuggiti con due auto. Hanno studiato il piano a tavolino e l’hanno messo in pratica con feroce lucidità, in una notte di pioggia che ha colpito buona parte del Salento.

Prima la rapina ai danni di un vigilante, in tre, sulla Leverano-Copertino. Proteggendo i volti con passamontagna per non farsi riconoscere, hanno accerchiato la guardia giurata nei pressi di un cantiere, riuscendo a disarmarla, puntandogli contro le loro armi (non si sa se pistole vere o giocattoli privi del tappo rosso), tant’è che le hanno anche sottratto la pistola d’ordinanza. In questo modo, hanno potuto mettere in pratica la seconda parte del piano, rubando un grosso escavatore meccanico gommato di proprietà della ditta “Palumbo strade”.

Con quel mezzo pesante, si sono diretti, senza mai abbandonare la provinciale, verso il distributore di carburanti “Renis gas”, a circa 700 metri di distanza, quasi all’ingresso di Copertino. E qui, noncuranti del fatto di essere ripresi dalle videocamere di sorveglianza, hanno letteralmente sventrato una parete, dov’era incassato un bancomat del Credito cooperativo di Leverano, riuscendo a portarlo via, per poi entrare all’interno dall’immensa voragine praticata nel locale adibito a bar e prendere anche due videogiochi elettronici, ovviamente per portarne via il contenuto in monete.

Un danno notevole, ancora da quantificare, così come lo stesso bottino. I tre banditi, dopo l’assalto, si sono divisi, allontanandosi a bordo di una Volkswagen Tuareg grigia e di una Nissan bianca, di cui però non si conoscono le targhe. Così come non è ancora chiaro quale sia stata l’effettiva via di fuga. Sul caso, l’ennesima eclatante rapina di questi giorni, indagano i carabinieri della tenenza di Copertino.
fonte:lecceprima

  1. Nessun commento ancora.
Devi esserti collegato per inviare un commento.