Copertino Online

il primo magazine on line su Copertino

SEL: “degrado” nel centro storico

-COPERTINO- Riportiamo di seguiti il comunicato stampa diramato dal circolo cittadino di SEL. Oggetto di discussione le condizioni di degrado in cui versa il centro storico nel nostro paese: “Il centro storico di Copertino è lo specchio del degrado assoluto in cui questo paese versa. Un degrado al quale questa amministrazione non riesce a dare risposte perché troppo occupata a risolvere i problemi dei pochi a scapito della collettività.

Da tempo, i residenti del centro storico sono assediati e sottoposti a continui atti di vandalismo e a vere e proprie ritorsioni nel caso in cui qualcuno di loro provi anche solo a protestare.
Siamo vicini ai residenti del centro storico e alla loro denuncia e ci mettiamo a disposizione per ogni iniziativa che vorranno organizzare.
Ci vorrebbe cosi poco per valorizzare il Centro Storico e renderlo vivibile, farlo diventare un punto di aggregazione, uno spazio sociale a disposizione delle associazioni, degli artigiani, un luogo da vivere quotidianamente.
E invece ci troviamo in una condizione di totale abbandono e di assoluta anarchia, segno evidente della superficialità e dell’approssimazione con cui vengono affrontati i problemi di ordine pubblico da questi Amministratori
Sembra che nessuno all’interno dell’amministrazione abbia a cuore le problematiche copertinesi, e nessuno sia in grado di dare un minimo di programmazione amministrativa.
Mentre invece i soldi pubblici vengono utilizzati per le probende alle associazioni amiche.
Siamo di fronte al Caos più totale. Siamo di fronte al dilettantismo e all’improvvisazione amministrativa di Assessori totalmente incapaci di svolgere le loro funzioni, nonostante gli sia stata data una seconda opportunità.
Siamo di Fronte alla peggiore amministrazione che Copertino abbia mai avuto.
Da mesi chiediamo inutilmente i motivi dei ritardi di questi amministratori ma non solo non riceviamo risposte di alcun genere, ma i ritardi, le occasioni perse, i fondi a cui non si accede continuano a crescere di numero. Decine di Bandi sono bloccati da mesi, come in molti hanno denunciato in questi giorni, e anche su questo ai poveri copertinesi non è dato capirne le motivazioni.
La coalizione di Centrodestra Copertinese è totalmente incapace persino di gestire un condominio vuoto. Speriamo solo che il Sindaco abbia la lungimiranza e l’intelligenza di comprendere e di trarre le dovute conseguenze.

Per Il coordinamento cittadino di Sinistra Ecologia e Libertà.
Salvatore Calasso.

  1. MASSIMO MUCI
    23 febbraio 2011 18:43 | #1

    “La coalizione di Centrodestra Copertinese è totalmente incapace…”
    Pur ritenendo superate le contrapposizioni ideologiche ma, tuttavia, continuando a ragionare in termini ideologici, questa, per me, non è un’amministrazione di centrodestra ma di sinistra-centro-destra e provo a spiegare perché: il sindaco Rosafio è stato per almeno vent’anni punta di diamante del pci-pds-ds-pd, lo stesso vale per Sandro Manieri, sempre di centro-sinistra si è dichiarato il consigliere Pietro Nestola e l’ex assessore del Prete. Pierluigi Pando è stato vice-sindaco e poi sindaco del centro-sinistra. Il consigliere Antonio Ciccarese è stato assessore e poi consigliere del centro-sinistra, l’assessore Tommaso Leo nella passata amministrazione era consigliere candidato con il pds, Mauro Valentino al ballottaggio ha sostenuto, con l’UDC, PD e SINISTRA PER COPERTINO, il candidato di centro-sinistra Maria Rosaria Ruberti, l’assessore Carlo Tarantino nella passata tornata elettorale era candidato con una lista a sostegno di Gianni Marcucci… ecc. ecc…
    In quali atti di questa amministrazione, poi, vedete atti riconducibili al centrodestra?
    Se alla fine di questa amministrazione comunale non saranno raggiunti i risultati sperati vedrete che molti attuali sostenitori di Rosafio faranno campagna elettorale dicendo che poi, in fondo, l’attuale maggioranza non era il vero Centrodestra…

  2. Giovanni Alcini
    24 febbraio 2011 08:37 | #2

    Condivido la puntualizzazione di Massimo ma condivido ancor di più il contenuto del comunicato di SEL. Aldilà degli schemi desrta-sinistra superati e appartenenti al passato contano i fatti e i fatti dicono che efettivamente “Siamo di Fronte alla peggiore amministrazione che Copertino abbia mai avuto”. Il nostro impegno dell’IDV è e sarà sempre quello di mettere tali incapaci di fronte alle loro responsabilità di stanare gli abusi e di mandarli a casa al più presto possibile ed in questo senso saremo al fianco di chiunque sarà sulle nostre lunghezze d’onda. L’ho già ripetuto molte volte Copertino e i copertinesi meritano molto di più.

  3. Giovanni Alcini
    24 febbraio 2011 08:45 | #3

    condivido la precisazione di Massimo ma condivido anche il contenuto del comunicato del SEl copertinese che sottoscrivo. Aldilà degli schemi, per noi dell’IDV, superati e fuorvianti per i cittadini, destra-sinistra, rimangono i fatti ed i fatti ci dicono che effettivamente “Siamo di Fronte alla peggiore amministrazione che Copertino abbia mai avuto”. Il nostro impegno è è sarà quello di mettere lorsignori di fronte alle enormi responsabilità e di stanare gli abusi percorrendo il cammino insieme a tutte quelle forze che saranno in sintonia con noi con l’obiettivo di mandarli a casa prima possibile.

  4. 24 febbraio 2011 14:06 | #4

    Bah… credo che la situazione del centro storico ormai non possa essere semplicemente legata alla classe dirigente attuale. Il centro storico è un paese nel paese, vive una vita tutta sua. Risanarlo significa ripopolarlo e portarci dentro Cultura. Il centro storico deve essere trattato da una PUE adeguato, rivalorizzato e reso da zona degradata a zona di lusso del paese.
    Incentivare la creazione di attività commerciali mirate al suo interno, magari con effettivi privilegi fiscali. Incentivare la “passeggiata domenicale” e non solo. Incentivare le rassegne culturali di presitigio rivalorizzando una piazza ad oggi adibita a parcheggio selvaggio.
    Ma prima di tutto occorre combattere la babycriminalità e l’arroganza che molta gente normale è costretta a subire quotidianamente perchè ci abita.
    Mi sono fermato spesso a parlare con loro, e la situazione è grave. E non ha colpa l’attuale amministrazione “peggiore di tutti i tempi”, seppur la mia idea su questa sia peggiore di quella proposta da te Giovanni.

  5. 25 febbraio 2011 09:38 | #5

    quoto alessandro in pieno, dalla prima all’ultima parola.

    Sono sicuro però che se qualche pischelletto fallito preferisce il centro storico per le sue scorribande è solo perchè lo trova piu tranquillo.
    Nel momento in cui si riuscirà a popolarlo spontaneamente, il centro storico spurgherà automaticamente le sue “tossine”.

    Il problema più grande è far capire alla gente quanto bello possa essere un centro storico “piacevolmente” chiuso, ossia rifinito, pulito, vivace, che uno dice “usciamo in piazza, stasera”.

    La gente quando sente parlare di questo discorso pensa al centro storico com’è adesso ma senza macchine. E’ chiaro che non piace. Uno dice “gia non c’è nienzi, almenu facitine parcheggiare!”

    Una possibile campagna pro-centrostorico dovrebbe essere proprio questa: far immaginare alla gente le possibilità di crescita e di sviluppo (anche economico).
    Come dice mia nonna (90 anni) “copertino: sempre lu strittu strittu, mai poco poco di ambizione”.
    Il copertinese tipo è abituato a dire “che bello” alle cose degli altri ma mai immaginarsele nel suo paese. “A copertino non si potrebbe mai fare”.
    Questo provincialismo ci sta uccidendo.

    Un esempio è lo studycase di cui parlo alla precedente discussione :

    http://www.copertinoonline.it/?p=6208#comment-6657

    Al sedicesimo rigo

  6. toni
    25 febbraio 2011 14:53 | #6

    cari concittadini ,il degrado lo si vede anche dal rispetto che ogni cittadino ha nei confronti del proprio Paese… non diamo sempre la colpa alle amministrazioni comunali…..Siamo noi i primi maleducati

  7. SHERLOCK
    25 febbraio 2011 17:11 | #7

    Sarebbe molto bello se il nostro centro storico diventasse il “salotto” della nostra città, così come accade in molte altre cittadine del Salento dove si è riusciti ad ottenere fondi sia per il basolato che per il ripristino di chiese e facciate di edifici d’interesse storico e architettonico. Sarebbe bello che il centro si ripopolasse e divenisse il centro di attività culturali e commerciali. E’, infatti, la presenza di queste attività che funge da volano per lo sviluppo socio-economico di un’intera città. Come sempre, però, noi siamo sempre in ritardo. Di chi è la colpa? solo e soltanto nostra…..perchè da decenni, ormai, diamo il mandato di amministrare a persone prive di qualsiasi senso civico e di qualsivoglia sensibilità per le nostre bellezze architettoniche (che non sono poche).Copertino è il terzo Comune della Provincia per numero di abitanti ma ha sempre raccolto pochissime risorse da destinare al centro storico….molte meno di quelle che sono state capaci di raccogliere altre realtà come Tricase, Maglie, Galatina, Nardò, Specchia, ecc…..Segno, questo, che anche i politici che abbiamo incaricato di rappresentarci in Provincia o Regione hanno fatto poco. Concordo con tutto quello che dice Corrado……però obiettivamente fare una passeggiata nel Centro Storico di Maglie o farla nel nostro non è proprio la stessa cosa. E’ inutile sperare che questa amministrazione riesca dove le altre hanno fallito…….anche perchè i personaggi a cavallo hanno cambiato bandiera ma sono sempre gli stessi.

  8. lucio
    25 febbraio 2011 18:39 | #8

    l’isola che non c’è! Quella culturale , morale, civica. Ma che volete che interessi tutta questa roba a gente ottenebrata dal berlusconismo: l’isola dei famosi, il drive in il trasformat il kalispera sono queste le tavole della verità e dellla cultura per questi liberisti berlusconiani. Voi vi attardate con il pensiero mediterraneo quello lento, esistenziale intimistico, siete fuori dalla storia!! Questi sono moderni tifano Milan, Ghedaffi, Putin. lu pilu… che c…. se ne fregano dei vostri tardi romanticismi……

  9. sandro
    27 febbraio 2011 21:32 | #9

    ma perchè non parlate in modo che la gente capisca quello che dite, la morale,civica il trasformat lu calispera ma che sono cose che si mangiano,quando parlate di lavoro è diritti che spettano al cittadino tanto non cambiera mai niente sono tutti uguali questi politici,vogliono solo che noi li manteniamo i loro vizi e il lusso che anno con questi stipendi che prendono cacciamoli via,

  10. 28 febbraio 2011 09:05 | #10

    sandro :
    ma perchè non parlate in modo che la gente capisca quello che dite, la morale,civica il trasformat lu calispera ma che sono cose che si mangiano,quando parlate di lavoro è diritti che spettano al cittadino tanto non cambiera mai niente sono tutti uguali questi politici,vogliono solo che noi li manteniamo i loro vizi e il lusso che anno con questi stipendi che prendono cacciamoli via,

    beh…pure tu ti difendi bene, devo dire…
    :-)

  11. gianmarco
    28 febbraio 2011 10:52 | #11

    Per Massimo
    Rivendico ciò che è stato detto dai miei compagni di SEL, questa amministrazione è assolutamente di Centro Destra.
    Il fatto che la maggior parte degli amministratori in carica abbia avuto un appartenenza al centro sinistra nelle scorse amministrazioni è del tutto irrilevante. Quest’amministrazione è punto di riferimento del centro destra Provinciale e regionale e non certo del centrosinistra.
    A parte Del Prete tutti i nomi che hai citato, attualmente sono riconducibili al centrodestra e sono stati eletti in liste chiaramente di centrodestra!
    Oggi Destra e Sinistra non sono semplicemente contrapposizioni ideologiche (come dici tu). E mai, come in questo momento la differenza tra destra e sinistra è stata cosi evidente e permettimi cosi necessaria, i fatti di questi giorni mettono in evidenza proprio questo. Ovviamente sono mie idee.
    Il punto è che quel comunicato dice altre cose, e sminuire il senso e il significato di quel lavoro politico, che SEL insieme ad alcuni cittadini residenti sta iniziando a fare, in virtù di una definizione mi sembra quantomeno ingiusto.
    Troppo comodo dire che è colpa dei copertinesi e dei ragazzini maleducati, e non colpa delle amministrazioni.
    Penso che il ruolo deigli amministratori sia anche quello di fare rivivere la città, non semplicemente facendo la sagra della pettula, ma creare degli spazi di vivibilità, di socializzazione che consentano ai “ragazzini maleducati” di rapportarsi con gli altri,di socilizzare, di comunicare, e non di ritrovarsi in un luogo buio dove creare ghetto e fare banda.
    Mi spieghi Alessandro perchè tutte le amministrazioni (e dico tutte) sono in balia di uno o due commercianti che vietano qualunque iniziativa nel centro storico e che, al solo pensiero di chiuderlo al traffico, sbraitano, urlano e bestemmiano ottenendo ciò che vogliono?
    Casro Toni io non mi sento maleducato, e non mi sento neanche di dare del maleducato a chi non ha spzi sociali, non ha lughi di libertà. Non voglio fare analisi socilogiche banali e condanno fermamente il vandalismo e il degrado ma possibile che nessuno possa fare qualcosa?
    Sottoscrivo ciò che dice Corrado, il provincialismo uccide copertino ma anche l’ozio degli amministratori di centro destra e di centrosinistra!
    P.S.
    per Sherlock
    e come se hai ragione su fondi persi, ma non solo per il centro storico.
    questa amministrazione non ha mai partecipato a nessun tipo di bando. Tieni presente che per la grandezza e per le caratteristiuche econnimche e sociali difficilmente non accederebbe ai bandi…vedi Carmiano, Leverano, Veglie….persino presicce e giuggianello!

  12. 28 febbraio 2011 12:19 | #12

    Gian Marco, ti darò una bella dispensa sulla “Resistenza al Cambiamento”.
    E’ vero che i commercianti si lamentano e si oppongono. Tu dici uno-due.. perchè quante attività commerciali serali ci sono nel centro storico?..io ne conto 4. Tre all’inizio e una alla fine. Giornaliere ne conto altre 2-3..Con così poca gente è semplice “unirsi” contro il cambiamento.
    Questi commercianti sicuramente sbagliano ad opporsi dicendo che con la chiusura non guadagnerebbero nulla. Ma hanno anche ragione per una serie di motivi:
    1. un copertinese medio o parcheggia di fronte alla porta di ingresso del locale oppure cambia locale.
    2. non c’è nulla attorno alle loro attività commerciali che possa portare gente nel centro storico.
    Credo che il buon amministrare debba dare qualcosa quando toglie. Occorre regolamentare giornate ad hoc e sensibilizzare le associazioni del territorio a creare iniziative. Sicuramente, se hanno finanziato 2 pullman di tifosi con 1000 euro non avrebbero (?) problemi a darne 100 ad un’associazione che in piazza realizza qualche giornata a tema. (magari facendo ruotare le varie associazioni nel tempo..)
    Una volta creata l’attrazione e fatto insediare nuove attività commerciali sopratutto locali e artigianali allora non penso che questi signori possano ancora lamentarsi della chiusura..anzi!

  13. Fabio
    28 febbraio 2011 18:48 | #13

    Pienamente in sintonia con Alessandro. Vorrei, però, completare dicendo che per attrarre nuove attività commerciali occorra creare la giusta location. Io non aprirei mai un negozio, un pub o un ristorante in un centro storico poco curato……pieno di facciate piastrellate (che ricordano vagamente gli azulejos di Lisbona), di porte e portoni di alluminio dorati o avorio, di tapparelle e di veneziane anni 70. Se prima l’amministrazione non comincia a regolamentare l’aspetto estetico del centro storico difficilmente riuscirà ad attrarre nuove attività. Abbiamo la fortuna di avere uno dei più importanti Castelli di Puglia ma il suo contorno (la piazza e le Vie che lo costeggiano sono scialbe e mal tenute). Sarebbe importante attuare un’opera di restyling partendo da lì. Magari con il basolamento della stessa piazza eliminando il marciapiede antistante dove impera un gazebo orrido che rappresenta un biglietto da visita non proprio dei migliori.

  14. massimo muci
    28 febbraio 2011 20:13 | #14

    x Gianmarco: quando riuscirai a spiegarmi la differenza ta pd e pdl allora forse ti darò ragione. Se non sei aggiornato ti ricordo che il pd, che tanto vi piace ma che preferisce flirtare con l’udc, ha votato giorni fa il rifinanziamento per le missioni militari dove i nostri soldati vanno a morire per gli interessi u.s.a. e non dirmi che il pd è un pò diverso dai veri partiti di sinistra perchè altrimenti ti ricordo la vicenda dei deputati Rossi e Turigliatto espulsi da rifondazione perchè votarono contro il dictat della segreteria di appoggiare le missioni militari: anche rifondazione ha votato per portare i nostri soldati a morire in Afganistan, anche i partiti di sinistra italiana, se non te ne sei accorto, sono al servizio della finanza internazionale.

  15. 1 marzo 2011 12:12 | #15

    Fabio :
    Pienamente in sintonia con Alessandro. Vorrei, però, completare dicendo che per attrarre nuove attività commerciali occorra creare la giusta location. Io non aprirei mai un negozio, un pub o un ristorante in un centro storico poco curato……pieno di facciate piastrellate (che ricordano vagamente gli azulejos di Lisbona), di porte e portoni di alluminio dorati o avorio, di tapparelle e di veneziane anni 70. Se prima l’amministrazione non comincia a regolamentare l’aspetto estetico del centro storico difficilmente riuscirà ad attrarre nuove attività. Abbiamo la fortuna di avere uno dei più importanti Castelli di Puglia ma il suo contorno (la piazza e le Vie che lo costeggiano sono scialbe e mal tenute). Sarebbe importante attuare un’opera di restyling partendo da lì. Magari con il basolamento della stessa piazza eliminando il marciapiede antistante dove impera un gazebo orrido che rappresenta un biglietto da visita non proprio dei migliori.

    Sempre il solito discorso.
    Se non ci sono le condizioni io non faccio niente.
    troppo facile.

    Non avete capito che il cambiamento siamo noi???
    Il pub non si apre se il centro storico si rivaluta. Il centro storico si rivaluta se anche tu apri il tuo pub!
    e quando avremo aperto 20 negozi la giunta capirà (erroneamente, perchè dovrebbero capirlo prima…ma si sa…sono fatti così) che c’è da difendere quel posto.e cominceranno a dire “il portone non puo essere di aluminio, il condizionatore va messo in terrazza, i muri devono essere bianchi …etc..etc”

    ma noi non possiamo aspettare loro. sarebbe solo un ottima scusa.

    Basta campare di indotto! Induciamo noi!

  16. Fabio
    1 marzo 2011 16:26 | #16

    Caro Corrado, uno dei principi fondanti di una pubblica amministrazione che possa dirsi tale è quello di mettersi al servizio del cittadino. Ciò allo scopo di consentirgli di avere, in cambio delle imposte e tasse che paga, giustappunto un SERVIZIO. Non so tu, ma io non me la sentirei di rischiare dei capitali senza avere la certezza di un “supporto” da parte degli amministratori. Questi gentiluomini, quando vogliono, le risorse le trovano….Pensi che in quella landa desolata che porta alla chiesa di Casole, gli imprenditori che stanno investendo milioni di euro in appartamenti e locali commerciali, avrebbero mai investito un solo centesimo se l’amministrazione non avesse garantito i sevizi pubblici essenziali? Sono arrivati prima i servizi o gli appartamenti? Io credo che i costruttori siano i soliti amici degli amici……tu cosa ne pensi?

  17. sandro
    2 marzo 2011 06:27 | #17

    caro fabio le do pienamente ragione questo e copertino pero se ci svegliamo forse ce la faremo pensano solo ai loro interessi no al cittadino in quanto al s massimo le dico che non ce differenza fra pd pdl sono tuuti uguali ,mangiuni e sfaticati,vivono a spese del cittadino onesto ,questi s,politici si credono che sono il padre eterno è non anno capito niente che la gente si e stufata se era per me sapevo io cosa si deve fare con questi mangioni,sembrano tanti santi ma portanu nu pilu intra,andiamo sopra al comune e iaticamuli a dra sotta

  18. 2 marzo 2011 12:03 | #18

    Il “supporto” di cui parli non mi appartiene proprio.
    Io se devo fare una cosa la faccio e basta. Se ne ho le forze. se no non la faccio.
    Se la discriminante è il supporto, sto inguaiato.
    Il supporto viene e va. Oggi ce l’hai domani no.
    Se pensi questo vuol dire che non ci credi veramente.

    Ecco perchè perchè siamo imprenditorialmente pigri: siamo assuefatti al supporto.
    Prova a vedere se gli imprenditori di maglie (sono molto piu avanti di noi) aspettano il supporto.

  19. sandro
    2 marzo 2011 13:34 | #19

    caro corrado il supporto che dice lei bisogna sempre pagarlo,oppure leccare un politico.mio padre da vero comunista col segno falce e martello …..diceva niente x niente non ti dà niente nessuno.viva la nostra amatissima sig.on cristina conchiglia che ha combattuto x il nostro paese e non è diventata ricca————

  20. Fabio
    2 marzo 2011 16:39 | #20

    Forse tu sei troppo giovane ma 20 anni fa il centro storico di Maglie era messo piuttosto male poi arrivò il basolato su diverse vie (anche non del centro storico) e i negozi si moltiplicarono. Guarda Lecce: prima che venissero realizzati i lavori di basolamento di alcune importanti arterie della Vecchia Lecce e prima che venisse attuata la ristrutturazione di alcuni importanti siti architettonici, i pub e i ristoranti, nel centro storico, si contavano sulle dita di una mano. Quando gli amministratori si accorsero che il centro storico poteva diventare il fulcro di un certo sviluppo economico e turistico queste due realtà, unitamente a molte altre della Provincia, si attivarono per reperire i fondi nazionali ed europei destinati al recupero e alla valorizzazione delle risorse storiche di cui disponevano. Il SUPPORTO di cui parlo è questo……
    P.S. La REGIONE PUGLIA, in questi giorni, ha organizzato un corso di 40 ore riservato ad amministratori e funzionari di comuni e province per insegnare loro come sfruttare al meglio i fondi europei che periodicamente vengono messi a disposizione. Sarei curioso di sapere quanti amministratori e funzionari del comune di Copertino stiano partecipando…….sicuramente avranno fatto a botte per assicurarsi qualche posto.

  21. 2 marzo 2011 17:01 | #21

    Bè, con una pensione da 4.500€ al mese se non è ricca lei io sono davvero poverissimo…

  22. 2 marzo 2011 17:50 | #22

    Caro fabio credo stiano partecipando in 3…

  23. chiara
    5 marzo 2011 15:53 | #23

    Ormai mi sto davvero stancando delle parole di Alessandro e dei Grillini.
    Ma posso sapere che cosa fate concretamente per Copertino???
    ma posso sapere dove siete???
    Posso sapere qiualòi iniziative pubbliche avete fatto in questi mesi?
    e per favore non mi parlare dei led e del Wi Fi in consiglio comunale….perchè del Consiglio Comunale non mi importa nulla….ne a me ne agli altri abitanti del mio quartiere….
    se le cose si volgiono fare si fanno e basta!
    il resto sono solo chiacchere!
    Massimo Muci
    ….che centra Turigliatto…tu ti sei candidato con la Capone….sei stato assessore…quindi? nessuno verrebbe a dire che non sei una risorsa….e allora?
    che facciamo? rifacciamo di nuovo vincere Rosafio? M. Calò? Frisenda?

    votiamo Beppe Grillo?

  24. 6 marzo 2011 03:22 | #24

    Chiara, non capisco quale sia il problema…
    il Consiglio Comunale è la sede istituzionale dove si portano le discussioni. Dei comizi in piazza alla domenica non so che farmene.
    Noi ci siamo, ci incontriamo ogni martedì. Se vuoi scrivimi alla mail alessandro.nestola@gmail.com e ti farò sapere ora e luogo e verrai a conoscerci e a spiegarci il tuo modo di intendere l’attività amministrativa. Noi, da gruppo all’opposizione, le proposte le abbiamo portate. Se poi l’amministrazione pur votandole non le ha concretizzate cosa vuoi da noi? O pensi che uscire con volantini o manifesti serva davvero a qualcosa? Pensi che commuova i nostri amministratori il fatto che il centrostorico sia insicuro (?) e degradato? O che il senso unico di via corsica sta distruggendo il commercio delle tantissime attività che su quella strada sono sorte senza che sia mai stato previsto un piano traffico in quella zona ormai diventata commerciale?..a questi importa davvero poco. Le battaglie c’è chi le fa in piazza perchè non sta in consiglio, chi le fa in consiglio e chi, pur stando in consiglio è come se non ci fosse. Ti stai stancando delle mie parole?..Peccato, pensavo di dire cose sensate affermando che occorre chiudere il centro storico e incentivare la sua crescita interna sia commerciale che residenziale..non vorrei che il tuo pensiero fosse per partito preso.

  25. Pino Cagnazzo
    7 marzo 2011 12:50 | #25

    @chiara: il fatto che a Lei e alle persone del suo quartiere, a cui non fa cenno, non importa nulla del Consiglio Comunale la dice lunga sul significato distorto che la maggior parte dei cittadini copertinesi ha di GOVERNO DELLA CITTA’.
    Se per governare bene una città si devono mettere da parte norme, discipline e regolamenti, o non esiste la città, o non esistono più cittadini: declassati a comparse belanti al cospetto del sovrano di turno.
    Io sinceramente non credo che la maggior parte dei cittadini di Copertino vogliano questo. Mi auguro che nel nostro paese possano esserci sempre più cittadini informati che bramano dalla voglia di conoscere cosa avviene all’interno delle istituzioni cittadine. Solo così chi governa può avere il giusto sprone a fare meglio e bene.

    solo un esempio: nel regolamento del consiglio comunale di copertino vi è scritto che le sedute delle Commissioni sono pubbliche e che ai lavori possono assistere i cittadini ed i rappresentanti degli organi di informazione; inoltre, che i verbali delle Commissioni devono essere pubblicati sull’Albo Pretorio del Comune; ed ancora c’è scritto che entro il termine di novanta giorni dall’insediamento i Consiglieri comunali sono tenuti a depositare presso la Segreteria del Comune una dichiarazione concernente i diritti reali su beni immobili e su beni mobili iscritti in pubblici registri; le azioni di società; le quote di partecipazione a società; l’esercizio di amministratore o di sindaco di società, con l’apposizione della formula:“Sul mio onore affermo che la dichiarazione corrisponde al vero“ ;copia dell’ultima dichiarazione dei redditi soggetti all’imposta sui redditi delle persone fisiche. Gli stessi documenti vanno presentati all’atto della cessazione del mandato.Tali atti sono pubblici ed ogni cittadino può prenderne visione.Gli stessi adempimenti devono essere assolti dagli Assessori esterni, entro novanta giorni dalla elezione.

    Ora mi spieghi perchè nessuno si sente in dovere di rendere pubbliche ed effettive queste norme?

    Chi è causa del suo mal pianga sè stesso dice un proverbio; e io ci aggiungerei…e non perda il suo tempo a trovare colpevoli immaginari!!!

  26. chiara
    10 marzo 2011 10:33 | #26

    Ho scritto più volte che il mio quartiere è Spallanzani.
    Sign. Cagnazzo sicuramente ha ragione sul sgnificato distorto del Governo della Città, ma di chi è la colpa?
    Io non dico che il lavoro in consiglio comunale non serve a nulla dico, semplicemente, che nonn appare una priorità agli occhi di quelle persone che nel mio quartiere, ma anche in altri, vivono un degrado e un abbandono che è vecchio e che è caratteristico di tutte le amministrazioni, molte persone devono fare i conti ogni giorno,coon il quotidiano, perchè sono senza lavoro, perchè i Servizi Sociali non funzionano, perchè non hanno i soldi per comprare anche una cazzata per i loro bambini.
    Non si informano perchè ormai vivono passìvamente la loro esistenza. e aspettano le elezioni solo per potere avere un “contributo” da parte di qualcuno ( GRAVISSIMOOOOO ma io non mi sento di condannarli) in modo da potere fare la spesa decentemente almeno per una volta!
    Cosa vuole che importi chi è o chi non è l’assessore o il sindaco o se adempiono ai loro doveri amministrativi?
    lo so è sbagliato! ma vogliamo confrontarci con la realtà e cercare di cambiarla? vi assicuro che che non si cambia facendo o proponendo provvedimenti , in un consiglio comunale sordo, con una opposizione MORTA!
    Grazie dell’invito alessandro ma io non vengo alle riunioni vostre perchè l’attività amministrativa a me non interessa neanche lontanamente….finchè gli amministratori sono questi, e finchè l’opposizione è questa.
    Dici che voi ci siete!
    io intendo l’esserci in maniera diversa, con i comizi di quartiere, con i volantinaggi, con il parlare alle persone, quello che SEL ha fatto fino a qualche tempo fa e che adesso non fa più (sarebbe bello capire pèerchè)
    In questo modo, si pò paralre con le persone, fargli capire i meccanismi che muovono l’amministrazione o più semplicemente spiegargli chi sono gli assessori.
    Io non voglio nulla da nessuno, ne ho mai chiesto nulla a nessuno. Non ho mai accettato di prendere soldi dai politici che vengono a fare le ronde e a minacciare in campagna elettorale.
    Sono causa del mio male?
    Forse, io lavoro come so nel mio quartiere, aiutando le persone a fare le cose più improbabili, lavorando con la parrocchia e con Don Giampiero……nonostante la mia avversione per i preti……….è l’unico modo per risolvere qualche piccolo problemino……puttanate vero?
    pazienza per me sono cazzate i led e la rete wi fi ma che dobbiamo fare le priorità sono diverse.
    Partito Preso????
    non ho mai nascosto su questo sito di avere simpatie per SEL, cosi come non ho mai nascosto le critiche a SEL e al suo essere poco presente da molti mesi ……
    non mi importa nulla delle vostre battaglie perchè non le sento mie!!
    per me la priorità non è il led, ma i Servizi Sociali, non è la rete Wi Fi a Copertino, ma la condizione di degrado delle periferie, perchè la Trasparenza non ha alcun significato se non c’e un ricambio della classe dirigente…..perchè essere trasversali non significa nulla….se non si lavora per una nuova idea di Politica.
    Sig. Cagnazzo i colpevoli che io individuo non sono immaginari sono reali e sono i copertinesi, gli amministratori e coloro che si vendono…….non per un piatto di pasta per i propri bambini……ma queòlli che si vendono per l’appalto, per la consulenza per l’incarico…….sono quelli che proclamano alti ideali e poi ….allu squagghiare ti la neeeeeee siìo tutti strunzi….scusa il francesismo……
    e se Sel continua cosi non può che essere annoverata tra questi ultimi, perchè non bastano i proclami giusti……. cari compagni.

Devi esserti collegato per inviare un commento.