Copertino Online

il primo magazine on line su Copertino

Agricoltura bene comune. Festa dei contadini, festa di tutti!

agricoltura-bene-comune

Quello che è successo in queste settimane nell’ambito dell’agricoltura pugliese, e salentina in particolare, è molto significativo e merita delle ponderate riflessioni. La manifestazione dei coltivatori di angurie che una decina di giorni fa hanno invaso la statale 101 e gli scioperi dei lavoratori stagionali che da tre giorni incrociano le braccia nell’agro neretino sono le due facce della stessa medaglia. Agricoltura Bene Comune esprime solidarietà ai partecipanti di queste manifestazioni, condividendone gli intenti e le ragioni, ma sottolineando la necessità di contestualizzare le questioni particolari sollevate all’interno delle dinamiche di sfruttamento che attanagliano l’agricoltura planetaria e locale.

L’iniziativa fa parte del percorso che il gruppo “Agricoltura Bene Comune” ha intrapreso per difendere e valorizzare l’agricoltura contadina, con la consapevolezza che la terra è una risorsa economica, sociale e ambientale, e in quanto tale una fonte di impiego, di relazioni e di biodiversità. L’agricoltura è un bene comune, così come l’acqua e l’aria. Un’ecologia sociale deve partire dall’agricoltura contadina che valorizza la biodiversità, che racchiude dentro ai propri obiettivi anche il paesaggio naturale e la sua preservazione. Lo sviluppo equilibrato di agricoltura contadina, turismo, cultura, è la chiave di volta per la valorizzazione del territorio e non la sua depauperazione, causata invece da monocolture, turismo irresponsabile, svendita del territorio. Per difendere il lavoro dei piccoli contadini, per cercare soluzioni alternative alle contraddizioni che viviamo e per impollinare nuove pratiche economiche, sociali e ambientali, Agricoltura Bene Comune si propone di coinvolgere studenti, disoccupati, ricercatori, migranti, professionisti, attivisti, mediattivisti, creativi e non ultimi i consumatori critici, attori che possono chiudere un circuito virtuoso tra produzione e consumo.
La sfida del futuro sarà valorizzare assieme un’agricoltura contadina senza lavoro nero, inquinamento e sfruttamento e un’agricoltura contadina che valorizzi il territorio. Di questi e di altri problemi si discuterà venerdì 5 agosto, alle ore 21, nell’ambito della manifestazione “Agricoltura Bene Comune. Festa dei contadini, Festa di tutti!” di cui si allega in calce il programma completo.

Venerdì 5 agosto, a Sannicola (Le), presso gli spazi della Cooperativa olearia sannicolese (via Provinciale per Alezio), si svolgerà l’evento Agricoltura bene comune. Festa dei contadini, festa di tutti!

Si inizia alle 18.30 con l’apertura del Mercato dei contadini e piccoli artigiani del gusto della provincia, che presenteranno i prodotti della terra e del proprio lavoro: frutta e ortaggi di stagione, formaggi, salumi, pane, friselle, taralli, miele, vino, olio, marmellate, conserve e altre buone cose che celebrano colori e sapori dell’agricoltura genuina.

Alle 20.00: presentazione e proiezione del documentario “Genuino Clandestino” realizzato dal collettivo InsuTV in collaborazione con Campi Aperti, terra terra, Ragnatela Autoproduzioni, Etain e il mercatino itinerante, su esperienze di lavoro e resistenza di giovani contadini, allevatori, produttori e artigiani.

Alle 21.00: incontro-dibattito aperto per riflettere sulla situazione dell’agricoltura contadina locale e per definire le progettualità e le pratiche concrete dell’Agricoltura bene comune. Assieme ai docenti dell’ Università della Calabria Giordano Sivini e Ada Cavazzani (che da anni si occupano di queste tematiche), Michela Polito, portavoce di Campi Aperti (rete italiana di piccoli contadini), a Michela Cusano, di Movimento Terre (rete di cooperazione tra produttori, gruppi d’acquisto solidale e attivisti), e ai portavoce delle Brigate di Solidarietà Attiva (che hanno accompagnato l’esperienza dei braccianti-migranti contro lo sfruttamento e il lavoro nero).

23.00-01.00: la serata continua con degustazioni di molte buonezze, reading di poesie (Gianluigi Lazzari), musica live (Le Scatole di Legno) e dj-set (Tupak).

  1. Nessun commento ancora.
Devi esserti collegato per inviare un commento.